Cani annusa Covid in Gran Bretagna: possono individuare il virus prima che compaiano i sintomi

Anche i cani 'arruolatì nella lotta al coronavirus. La Gran Bretagna ha infatti annunciato una sperimentazione per vedere se cani da fiuto specializzati possono...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
Anche i cani 'arruolatì nella lotta al coronavirus. La Gran Bretagna ha infatti annunciato una sperimentazione per vedere se cani da fiuto specializzati possono rilevare la presenza di Sars-Cov-2 nell'uomo. Questi animali sono già stati addestrati a rilevare gli odori di alcuni tumori, la malaria e il Parkinson, come ricorda l'ente benefico Medical Detection Dogs. La prima fase del trial, riferisce la Bbc, sarà guidata dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine, insieme Medical Detection Dogs e alla Durham University.

Virus, negativi al tampone ma la tac rivela polmonite: misteriosi casi a Taranto, l'allarme del 118

La sperimentazione è stata finanziata con 500.000 sterline dal governo. Lord Bethell, ministro dell'Innovazione, ha fatto sapere di sperare che i cani possano fornire «risultati rapidi» per scovare il microrganismo. La sperimentazione metterà dunque alla prova un drappello di « cani Covid» - Labrador e cocker spaniel - per capire se possono individuare il virus nell'uomo dall'odore prima che compaiano i sintomi. Obiettivo, utilizzare in futuro gli animali come sistema di allarme rapido per rilevare il virus, dal momento che questi cani potrebbero valutare fino a 250 persone l'ora. La prima fase della sperimentazione coinvolgerà il personale del servizio sanitario britannico negli ospedali di Londra, impegnato a raccogliere campioni di odore da pazienti infettati e non. Sei cani - Norman, Digby, Storm, Star, Jasper e Asher - seguiranno l'addestramento per identificare il virus 'a nasò. Secondo gli ideatori del progetto la formazione potrebbe richiedere da sei a otto settimane.
Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Napoli-Roma 2-1, Simeone firma il gol vittoria. Spalletti vola a +13 sull'Inter
Molotov lanciata a Roma contro commissariato
Assegno unico a rischio per 7 milioni di famiglie, ecco perché e cosa fare per evitare il taglio
Raid con i droni sulle fabbriche militari dell'Iran. Wsj: «Attacco israeliano» Le piste, cosa sappiamo
Choc a Brescia, accoltella il marito alla gola e lo uccide davanti al figlio 15enne