Liste d'attesa, attenti alla lettera sulla ricetta: la Asl garantisce le urgenze in 10 giorni

L'ospedale di Belcolle a Viterbo
di Federica Lupino
Liste di attesa, una lettera fa la differenza. Per la prima volta, la Asl riesce a garantire le urgenze e le urgenze brevi. Tutto a seguito della riorganizzazione delle prescrizioni voluta dalla Regione per cui sono i medici di base a indicare sulla richiesta una delle seguenti lettere: U, B, D o P in base alla gravità. I 242 dottori di famiglia presenti nel Viterbese hanno da poco siglato un accordo con l’azienda sanitaria nella logica della massima collaborazione anche nelle prescrizioni: in caso compaia la U (Urgente) o la B (Urgenza breve), nel giro di 10 giorni la visita viene effettuata. Se viene assegnata la D (differibile), entro 30 giorni (salvo alcune eccezioni). Le P invece indicano la categoria “senza priorità” e qui i tempi si allungano sia perché il medico non ha ritenuto necessario intervenire in tempi più brevi sia perché – come nel caso di radiologia e gastroenterologia – il personale non sempre è sufficiente per garantire attese brevi.

“Stiamo rivoluzionando il sistema. Già negli ultimi mesi del 2017 – rivendica Massimo Foglia, responsabile per l’azienda delle liste di attesa– siamo riusciti a garantire le urgenze. Per le altre prestazioni in alcuni casi è vero che c’è da aspettare: non abbiamo personale a sufficienza ma ci stiamo attrezzando anche per quello con concorsi finalizzati alle assunzioni”. La gastroenterologia resta uno dei nodi da sciogliere: se le prestazioni con priorità sono garantite in 11 giorni, quelle prive variano dai 253 giorni di attesa per una visita a Tarquinia fino ai 368 giorni per una colonscopia a Belcolle, Acquapendente e Tarquinia, ovvero in tutti gli ospedali che le effettuano. Non va molto meglio per la gastroscopia che oscilla tra i 313 giorni di Civita Castellana e i 363 di Belcolle. Stesso discorso per l’altro reparto critico: mammografie, Tac, ecografie e risonanze con priorità vengono effettuate in un periodo che varia tra i 4 e gli 11 giorni, nel caso non siano prioritarie salgono fino ai 349 giorni di attesa per una Tac all’Andosilla. 

Per continuare ad abbattere i tempi, oltre alle assunzioni la prossima settimana si insedierà il primo osservatorio sulle liste di attesa in cui siederanno anche sindacati, pediatri e medici di base. Inoltre, entro pochi mesi il dottore che ha in cura un paziente potrà prenotare direttamente i controlli che così verranno scorporati dalle prime visite, andando a ridurre ulteriormente gli elenchi. “È un processo lungo e faticoso – conclude Foglia – ma stiamo operando una piccola rivoluzione”. 
Giovedì 11 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-12 11:22:51
però se si pagano fior di soldoni ,(intramoenia) le urgenze e non ,si riesce ad avere una tac anche in tre ,dico tre giorni.
QUICKMAP