Strada pericolosa, ecco la “pizza alle buche della Cassia” del cuoco campione del mondo

La pizza alle buche della Cassia
di Massimo Chiaravalli
Che cos’è il genio? È fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione. Giuseppe Cravero – pluricampione del mondo di pizza – ha preso la definizione (copyright “Amici miei”) e l’ha applicata in maniera creativa. Dopo le piogge di questi giorni la Cassia è diventata un pericolo pubblico. E lui, titolare della pizzeria Il Babbà a Vetralla, si è inventato la pizza alle buche.

Tornando a casa ha realizzato un video che mostra tutta la pericolosità della strada, con le auto costrette a fare lo slalom, invadendo l’altra corsia di marcia, per evitare i crateri. «La Cassia – dice Cravero - è un problema grosso come una casa. Io con la pizza mi ispiro alle situazione reali: la pizza è creatività, spiega la realtà e abbina i prodotti del territorio». La buca come prodotto tipico locale, non male. «La cosa è ovviamente sarcastica, ma l’idea è di raccontare un disagio con un piatto comune a tutti. È un messaggio diretto per amici e clienti, per dire che per venire a mangiare una pizza non si può sfasciare una macchina. È una pizza di protesta contro gli enti che dovrebbero provvedere: mi esprimo con questa, il mio lavoro è fatto così».

Cravero è stato campione del mondo nel 2009, nel 2012 ha vinto le olimpiadi della pizza, nel 2014 il Talent show e nel 2015 ancora il campionato mondiale, stavolta di categoria. Uno insomma dalla pizza facile, anche metaforica. A proposito, com’è andata? «La pizza Cassia ha esordito ieri sera e ne avrò fatte una ventina. Rispetto alla prima che ho realizzato, una semplice margherita, poi l’ho arricchita con del salamino. Quindi l’ho inserita nel menù: ha avuto un grande successo, i clienti hanno apprezzato e commentato - conclude - anche perché si sono accorti che questa strada a Vetralla è diventata una cosa incredibile». Una cosa seria, mica pizza e fichi. Anzi, buche.
Venerdì 29 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 14:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-12-30 13:03:12
Alla Cassia ed alla Cassia bis, che stanno nelle stesse disastrose condizioni, non debbono pensare i sindaci ma l'Ente preposto alla manutenzione, nella fattispecie l'ASTRAL di proprietà della Regione Lazio. Entrambe sono una vergogna per un paese civile 8vedi anche sporcizia) e mettono a repentaglio la vita delle persone (io sono un motociclista e le percorro tutti i giorni, andata e ritorno con il timore di non arrivare vivo). Ringrazio quindi il Sig. Zingaretti per la sua premura e per l'nteresse che mostra per l'incolumità dei cittadini da lui amministrati, ma gli debbo anche comunicare che il 4 marzo, nell'urna, mi ricorderò di tale premura e lo ricompenserò nello stesso modo.
2017-12-29 19:18:07
Ieri mi figlia sulla prenestina gomma spaccata, cento euro, maledetti shifosi, il gommista mai lavorato tanto in vita mia stavo quasi per chiudere l'attività, adesso una pacchia.
2017-12-29 18:09:14
la cassia e limitrofe è una -raggera-di buche che gli gli alemanni e i marino non sono riusciti a sistemare come poteva riuscirci una sprovveduta come la Raggi.chi ripara lo fa per modo di dire, vergogna
2017-12-30 10:59:29
Mi sconcerta e mi basisce l'ignoranza delle cose! a chiudere le buche deve pensarci l'assessore alla viabilità no i sindaci,ai quali tuttavia si può chiedere la rimozione dell'incapace funzionario !
2017-12-29 12:45:53
altra cosa fantastica √® che ex sindaco di vetralla, cittadina in questione, √® stato oggetto di scherno durante il suo esercizio causa buche finendo su tutti i medi a per segnalkazioni fatte da IGNOTI cittadini con ,,,disegni particolari (peni giganti) a m√≤ di freccia davanti le buche,,,,ora questo ha fatto esposto contro attuale sindaco del pd per inadempienza,,,insomma fanno a gara a chi √® pi√Ļ INCAPACE
5
  • 331
QUICKMAP