Sciopero dei taxi, non solo disagi: si tratta di danni incalcolabili

di Paolo Graldi
Si dice e si scrive: sciopero dei taxi, oppure fermi bus e metro, disagi per i cittadini. Domanda numero uno: disagi è la parola giusta? Solo disagi? Che cosa si intende per disagi? Un moto di imbarazzo temporaneo, leggero, lieve, un attimo di sconcerto come di fronte a moto di stizza che subito passa, riassorbito dallo scorrere della giornata? No e poi no.

Non si tratta di disagi, al di là delle buone o più spesso delle flebili ragioni di chi sciopera, dal numero e dalla consistenza dei sindacati che dichiarano l'arresto del servizio pubblico: si tratta di danni incalcolabili e gravissimi per le persone e per la collettività, pedaggi pesantissimi che ciascuno deve affrontare per risolvere altrimenti, con fatica, l'obbligo di spostarsi, di andare e tornare dal lavoro, di far fronte a impegni inderogabili, assai costosi.

Domanda numero due: la pressione esercitata sulla controparte viene percepita, accolta, sblocca lo stallo delle trattative, accoglie le richieste, è davvero l'ultima e estrema possibilità di far valere le proprie ragioni? No, statisticamente non avvicina le parti. Ecco allora che si ha l'impressione che l'assenza prolungata imposta con sconcertante frequenza di un servizio pubblico fondamentale sia una specie di coazione a ripetere un gesto di forza, là dove ogni battaglia sindacale non scioglie i nodi della contesa. L'arma dello sciopero ferisce ma è spuntata, incide la carne viva della città ma non guarisce dal male, anzi lo aggrava. La medicina peggio della malattia.

paolo@graldi.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 07:44

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-23 10:27:45
Perché nel titolo si apre l’articolo con evidenza sullo sciopero dei taxi? Evento unico in 10 mesi di confronto con il governo, mentre l’atac ormai sciopera una volta ogni 15 giorni, pur essendo un servizio che pesa totalmente sulle spalle dei cittadini che lo pagano anche se non lo utilizzano con il costante aumento ,ormai da 15 anni delle addizionali comunali e regionali versate alle scadenze fiscali, mentre il servizio taxi si paga solo all’utilizzo non essendo ancora riconosciuto come servizio pubblico quindi senza le agevolazioni che gode l’atac ma solo con gli obblighi imposti dal comune,turni ,tariffe imposte etc
QUICKMAP