Roma, sgozzò la cognata perché copriva i tradimenti della moglie: condannato a trent'anni

di Adelaide Pierucci
Trent'anni di carcere e un anno di isolamento notturno. E' scampato all'ergastolo solo per la scelta del rito abbreviato l'assassino protagonista di uno dei femminicidi più feroci commessi quest'anno a Roma, una sera di maggio, all'Appio. Ghenadie Gondea, operaio moldavo di 40 anni, per uccidere la cognata Natalia Gorbati, 38 anni, aveva usato il martello da carpentiere e un coltello da cucina. Col martello l'ha colpita ripetutamente alla testa e alle braccia, e con la lama le ha reciso con un solo colpo la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 23 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 25-12-2016 21:30
  • 190
QUICKMAP