Roma, uccide centauro sul Gra e poi va a lavoro: arrestato il pirata. Auto era in un deposito

Ha travolto e ucciso un motociclista sul Grande Raccordo Anulare di Roma ed è scappato. Poi ha lasciato la sua auto in un deposito ed è andato a lavoro. Ma nella sua fuga, qualcosa è andato storto: la targa della sua macchina si è staccata ed è stata trovata dagli agenti della polizia stradale che l'hanno rintracciato. È successo all'alba, alle 5,30, al chilometro 40 sulla carreggiata interna. La vittima, Angelo Iosue, 51 anni,  era originario di Toro, piccolo centro a poca distanza da Campobasso, ma viveva da anni nella capitale, nella borgata Finocchio, con moglie e due figli.

Grazie al ritrovamento della targa anteriore dell'autovettura, il pirata è stato rintracciato e arrestato dalla polizia stradale. Si chiama Francesco Ercolani e ha 47 anni. L'uomo è accusato di omissione di soccorso e omicidio colposo. Dopo l'incidente mortale aveva lasciato l'auto in un deposito a Pomezia vicino a Roma. Poi, come niente fosse, si è recato al lavoro. È stato rintracciato al Ministero della Marina dove era impegnato a scaricare merce alimentare. Sembra che l'uomo abbia ammesso le sue colpe già al telefono quando è stato contattato dalla polizia stradale.


 
Venerdì 29 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 30-01-2016 09:30

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2016-01-30 09:45:24
Attraverso quotidianamente Roma in moto da circa 10 aa; in media incontro almeno tre automobilisti che per superare un semaforo non esiterebbero ad investirmi senza scrupoli o che guidano in preda agli effetti di qualche potente sostanza; evito inoltre il raccordo anulare perchè praticamente privo di qualsiasi controllo da parte delle forze dell'ordine e dove le auto sfrecciano a oltre 150 km all'ora considerando le moto praticamente dei birilli da schivare. Veramente addolorato per la vittima, tutto il mio disprezzo per l'omicida.
2016-01-29 18:38:36
Che vigliacco... sperava di farla franca.. per sua sfortuna la targa persa lo ha tradito... ora almeno i congiunti dello sfortunato motociclista potranno essere risarciti dall'assicurazione del pirata... anche se nessuno potra risarcirli della loro perdita...
2016-01-29 18:25:14
lei e' un giustizialista, questa e' l'accusa che gli rivolgerebbero i nostri cari politici. Per non andare in galera hanno talmente allentato la Giustizia che puoi uccidere ed avere al massimo i domiciliari
2016-01-29 17:44:07
magari, ma non essendo in vigore la legge sull'omicidio stradale, finirĂ  come al solito in una bolla di sapone.
2016-01-29 13:48:06
ormai senza la certezza della pena,siamo solo carne da macello,questa e la situazione ad oggi,per la redazione non riesco a vedere i video, solo con il messaggero ci sono problemi? grazie_
9
  • 1 mila
QUICKMAP