Doppio schianto sull'A4 Milano-Brescia, 3 ragazzi morti e 4 feriti

Tragico schianto sulla A4 Milano-Brescia, intorno all'una di questa mattina. Nell'incidente all'altezza del km 186+300, nel tratto compreso tra Seriate e Grumello in direzione di Brescia, sono morte tre persone e altre quattro sono rimase ferite. 

Le vittime sono tre giovani: si chiamavano Alberto Casagrande, Antonio Ago e Daniela Ago. I due maschi avevano 23 anni e la ragazza 21. I due fratelli Ago erano nativi dell'Albania ma cittadini italiani: abitavano a Conegliano, mentre l'amico Casagrande, che era alla guida dell'auto, viveva a Mareno di Piave. Pare stessero tornando a casa. La loro auto era ferma in colonna, quando è stata tamponata da un furgone. I feriti sono due donne di 33 e 39 anni, e due uomini di 36 e 40. In un secondo tamponamento avvenuto nello stesso tratto circa mezz'ora prima sono rimasti feriti lievemente due uomini di 40 e 41 anni. Sono tutti stati trasportati dal 118 negli ospedali di Bergamo e Seriate (Bergamo) con codici di invio gialli e rossi.

Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto desunta dalla dinamica delle chiamate al 118, tra i due tamponamenti, il primo meno grave e il secondo, mortale, sarebbero passati 34 minuti. Il primo intervento del 118 di Bergamo è infatti alle 00.24 mentre il secondo alle 00.58. Il primo incidente è avvenuto nel tratto compreso tra Seriate e Grumello in direzione di Brescia. Nell'incidente sono rimaste coinvolte sei autovetture ed un mezzo pesante. 
Venerdì 29 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 30-01-2016 09:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-01-29 15:05:54
Andare in macchina e' diventato davvero TROPPO pericoloso. Sono tantissimi quelli che al volante telefonano o addirittura scrivono sms, praticamente nessuno rispetta i limiti di velocita' e la distanza di sicurezza, innumerevoli sono quanti fanno gimcane oppure ad alta velocita' percorrono la corsia di emergenza. Non parliamo poi di mancate precedenze, di rispetto dei semafori, ecc. Le regole ci sono e non serve inasprirle se poi mancano i controlli per farle rispettare. E' urgente che si prendano dei provvedimenti, Brunetta permettendo.
2016-01-29 17:24:20
Ti straquoto,ormai le forze dell'ordine adibite ai controlli sono merce rara,la maleducazione, stradale e non,è imperante,si danno per scontati comportamenti al volante da criminali senza che chi preposto intervenga,le priorità sono sempre altre.Credo che senza l'evoluzione dei dispositivi di sicurezza sulle auto odierne la conta dei morti sarebbe ben maggiore dell'attuale....
2
QUICKMAP