Bancarotta, la Guardia di Finanza arresta tre imprenditori

Tre imprenditori sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza con l'accusa di bancarotta fraudolenta di una società romana operante nel settore delle costruzioni, la 'Valorizzazioni immobiliari srl'. Nei confronti dei tre, Andrea Perini, Mauro De Angelis e Fabrizio De Giovanni, il gip del tribunale di Roma ha disposto gli arresti domiciliari. Le indagini degli uomini del Nucleo di polizia tributaria di Roma hanno accertato che Perini e De Angelis, rappresentanti legali della società, in concorso con l'amministratore De Giovanni, si sono appropriati dei beni della società fallita attraverso una società con sede a Londra, riconducibile ad uno dei tre. Quest'ultima ha acquisito ad un prezzo irrisorio, dice la Gdf, la partecipazione più rilevante della Valorizzazioni Immobiliari. Inoltre i tre, prima del fallimento, avrebbero tentato di vendere diversi appartamenti della società, intascando i proventi dei contratti preliminari.

La Gdf ha anche accertato debiti fiscali e contributivi per 250mila euro, la distrazione di beni patrimoniali per circa 3 milioni e il mancato pagamento di diverse cartelle esattoriali emesse nei confronti di altre società a loro riconducibili. Ai tre imprenditori è stata anche contestatala sottrazione della documentazione contabile, mai consegnata alla curatela fallimentare, che, scrive il Gip, «rappresenta l'avvio strumento per porre in essere le condotte utilitaristiche in favore dei soci ed in pregiudizio dei creditori».
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 14:33

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP