Renzi: salva la mia riforma, ora dritti al voto a giugno

di Alberto Gentili
ROMA «Bene, finalmente una buona notizia. In ogni caso però si va alle elezioni prima possibile. Al massimo a giugno». Dal Nazareno, dove Matteo Renzi è tornato stabilmente in cabina di comando, non lasciano speranze a chi, come Silvio Berlusconi, i centristi di Angelino Alfano e la sinistra dem di Pier Luigi Bersani, puntava su un rigetto da parte della Consulta del quesito sull'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori per sperare di arrivare a fine legislatura. Alla primavera del 2018. Certo, Renzi ha perso...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 12 Gennaio 2017 - Ultimo aggiornamento: 07:57
  • 297
QUICKMAP