Gentiloni-Trump, il Washington Post: l'incontro apre la via a rapporti più stretti

 «Come Trump, Gentiloni è nuovo di incarico» e «differenza di Matteo Renzi che aveva una stretta relazione con Barack Obama, e aveva apertamente sostenuto la candidatura di Hillary Clinton, Gentiloni e Trump sono arrivati all'incontro senza un peso eccessivo sulle spalle». È quanto scrive il Washington Post all'indomani dell'incontro alla Casa Bianca tra il presidente del Consiglio e il presidente americano, sottolineando come questa assenza di "baggage", bagaglio, «potenzialmente apra le porte a relazioni strette».  

«Gentiloni è uno dei diversi leader mondiali e stretti alleati Usa che vogliono stabilire velocemente una relazione con Trump e forse influenzare la sua giovane presidenza», scrive ancora il Post ricordando che l'incontro è avvenuto a poco più di un mese dalla partecipazione di Trump al vertice del G7, a fine maggio a Taormina.  Ed in vista della sua prima missione in Europa - prima di Taormina, Trump farà tappa a Bruxelles per il vertice Nato - il presidente americano nelle ultime settimane sta smorzando le critiche rivolte per mesi alla Nato che ora «non è più obsoleta». «Le posizioni dell'amministrazione sull'Unione Europea e il progetto europeo sono in work in progress», è il commento di Charles Kupchan, l'analista del Council on Foreign Relations ed ex direttore degli affari europei del Consiglio per la Sicurezza Nazionale di Barack Obama.
Venerdì 21 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 22-04-2017 08:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-04-22 10:35:23
aho! Basta che ce comportiamo bene
2017-04-21 15:26:35
Gentiloni, ottima mossa. Adesso bisognerĂ  farsi trovare pronti, se gli USA chiederanno collaborazione in Siria. La riavremo in Libia, se necessario, come, temo, sia.
2017-04-21 15:17:01
Grande intesa con differenze Tramp abbasa le tasse. Gentiloni le alza.
3
  • 42
QUICKMAP