Grillo ad Avvenire: «M5S al governo? Una cosa naturale». Ma sui temi etici glissa

"Famiglia". "Perdono". "Massacro di valori". Bastano le prime righe dell'intervista di Beppe Grillo al giornale dei vescovi, Avvenire, per cogliere il senso del segnale che il leader 5Stelle lancia al mondo cattolico. Una lunga intervista, a tutta pagina, in cui, evitando la trappola dei temi etici a partire dal biotestamento che vede M5S al fianco del Pd («Il movimento è pos ideologico, non siamo qui a dir cosa è giusto e cosa è sbagliato per e su ogni argomento. Per noi è fondamentale l'autodeterminazione»), Grillo ribadisce le parole-chiave dei pentastellati.

«Non esiste una strategia per arrivare a Palazzo Chigi. Immagino questo risultato come un auspicabile fenomeno naturale, generato da gente decisa a 'scendere sulla terra', lontano dagli incantesimi degli agnellini salvati da Berlusconi e dalle palle seriali che vengono dal partito ora al governo. Un partito che ha solo un merito: mantiene al suo comando la persona che meglio lo rappresenta, il bugiardo Renzi», premette Grillo, sottolineando che invece «la realtà del Movimento è nel cuore di un progetto, non di una persona».

«Io - dice Grillo tracciando una sorta di autoritratto - non uso il mio mestiere per convincere. Sono semplicemente Beppe Grillo. Con le mie passioni, con i miei limiti, con le mie intuizioni. Lascio che tutto traspaia ed emerga per come è». In Italia «c'è stata una strage della decenza. Della lealtà. Della gratitudine. Del perdono», scandisce Grillo: «La strage di soldi, di proprietà e di sovranità messa in atto dalle banche è stata preceduta dal massacro dei valori che si è compiuto, in Italia, nell'era del berlusconismo. Bisogna sempre tenerlo a mente, restando concentrati su quello che è successo».

«Ho ben chiaro - prosegue - che il super-personalismo alla Nembo Kid dei leader politici ci ha quasi ammazzati. E vedo che il 'maestrò è ancora lì ad allattare gli agnellini: è spiacevole la visione di un altro anziano ridotto così, a mendicare buonismo. La pretesa che l'altro mi veda per come mi vedo io è assurda già in una coppia collaudata, figuriamoci in una progressiva orgia di illusioni e rimedi come quelli proposti da personaggi 'liftatì che si imitano a vicenda: Renzi e Berlusconi». Per quanto riguarda le questioni etiche, Grillo sottolinea che «il Movimento è post-ideologico: non siamo qui a dire cosa è giusto e cosa è sbagliato per e su ogni argomento. Per noi è fondamentale l'autodeterminazione, intesa come la possibilità data ai cittadini di essere cittadini».
Mercoledì 19 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-04-2017 08:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-04-19 17:14:07
ehi griilo ! ma da quanto tempo è che non ti confessi ?
2017-04-19 16:39:10
ehi ! grillo, ma che ci diventi baciapantofole ? che il signore ( e l'uffico delle entrate) sia con te
2017-04-19 14:33:06
"il super-personalismo alla Nembo Kid dei leader politici ci ha quasi ammazzati"... lui invece ama non apparire e preferisce stare dietro le quinte... com'è che ha detto della candidata sindaco di genova? "io la caccio e voi zitti, fidatevi di me!!!".
2017-04-19 14:16:21
L'Italia in mano di un comico, ci sarà da ridere, almeno spero
2017-04-19 16:20:52
No! *** (; - BdV/Anchise
QUICKMAP