Usa, bimbo di 6 anni scomparso nel 1979 e mai più ritrovato: la verità dopo 38 anni e due processi

di Federica Macagnone
Ci sono voluti 38 anni e due processi perché Stan Patz e sua moglie Julie riuscissero ad avere un briciolo di giustizia per la scomparsa del loro piccolo Etan, svanito nel nulla a New York il 25 maggio 1979 all’età di 6 anni. Il piccolo stava raggiungendo la fermata dell'autobus per andare a scuola, ma a quell'appuntamento non arrivò mai: adesso una giuria ha dichiarato Pedro Hernandez, 56 anni, colpevole di rapimento e omicidio. Una decisione difficile che ha portato a giorni di discussione prima di arrivare a un verdetto sulla vicenda che sconvolse gli Stati Uniti e che resta tutt'ora avvolta nel mistero, visto che il corpo del bimbo non è mai stato ritrovato.
 

Dopo anni di buio, solo nel 2012 si arrivò all'arresto di Hernandez, dopo una soffiata alla polizia: l'uomo, che nel 1979 aveva 18 anni e lavorava in un negozio vicino alla casa di Etan a Soho, ha raccontato nel corso di un interrogatorio fiume di aver attirato il piccolo nel locale offrendogli una bibita. Dopo lo ha soffocato, ha chiuso il suo corpo prima in un sacco e poi in una scatola e ha abbandonato i resti tra i rifiuti. Tuttavia del corpo del piccolo non è mai stata trovata alcuna traccia: il verdetto al quale si è giunti è quindi unicamente frutto della testimonianza dell'uomo, visto che la polizia non è mai riuscita a trovare prove che possano confermare la versione data da Hernandez.

Una vicenda ingarbugliata alla quale si aggiunge il fatto che l'uomo soffre di allucinazioni, è schizofrenico e gli sono stati riscontrati gravi problemi mentali: tutti fattori sui quali si è basata la difesa, che si è battuta per dimostrare che l'uomo ha difficoltà a discernere tra finzione e realtà e, dunque, abbia solo immaginato di aver ucciso Etan. Per Hernandez, d'altra parte, si tratta del secondo processo: il primo fu annullato nel 2015 dopo che i giurati non riuscirono ad arrivare a un verdetto univoco.

Questa volta, però, sono state proprio le parole di Hernandez ad aver avuto un peso notevole per arrivare al verdetto di colpevolezza: la confessione, piena di dettagli e di particolari, è stata definita realistica e le sue parole sono state confermate da alcuni parenti chiamati a testimoniare in aula che hanno detto che Hernandez negli anni aveva confessato loro di aver ucciso un bambino a New York. «Abbiamo dovuto attendere a lungo, ma alla fine abbiamo trovato un po’ di giustizia per il nostro piccolo Etan», ha detto il padre uscito dall'aula.
Mercoledì 15 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-02-2017 12:18

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-02-16 10:11:09
Chissà se ha ucciso qualche altro bambino, se è stato lui.
2017-02-16 05:59:09
bella gente anche i parenti.....che schifo!!!!!! io darei una punizione anche a loro per aver taciuto
2
  • 738
QUICKMAP