Veneto, banditi in fuga contromano sull'autostrada, auto si schianta per evitarli: un morto

E' ricomparsa alle 18 all'altezza dell'ipermercato Battocchio, in località Spin di fronte al municipio di Romano d'Ezzelino, l'Audi gialla Rs4 dei banditi che ha causato la morte di una donna e che da giorni sta dando filo da torcere alle forze dell'ordine. E' stata vista sfrecciare a tutta velocità in sorpasso in direzione Mussolente-San Zenone degli Ezzelini (Tv) da un passante che ha subito allertato le forze dell'ordine. Immediatamente si sono alzati in volo quattro elicotteri tra Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza ma non sono riusciti ad arrivare in zona che si era già nuovamente dileguata. Per tutta la giornata la potente fuoriserie dei ladri che da una settimana sta seminando il panico a Nordest non si era fatta vedere, tanto che si pensava che i ladri si fossero liberati dell'auto. Invece, noncuranti, questa sono sono tornati a scorrazzare per le strade del Veneto. A questo punto, però, è possibile che la base dei ladri sia proprio nel Bassanese dal momento che mercoledì sera era stata avvistata a Cassola e a San Giacomo di Romano d'Ezzelino, per poi dileguarsi nuovamente nella vicina Marca trevigiana, con altri avvistamenti tra Riese Pio X, Fonte, Loria e Bessica.

LA TRAGEDIA
La folle fuga sul Passante di Mestre, una corsa ad altissima velocità e tutta in contromano: poi una vettura, con a bordo una donna, si è trovata davanti quella maledetta Audi gialla, ha cercato di evitarla, si è schiantata ed è morta sul colpo. L'ultimo avvistamento dell'auto con a bordo i pericolosi banditi ricercati in tutto il Veneto si è concluso con la morte di una donna sul Passante: la 58enne Elena Alexadrova Belova di origine russa. L'incidente è avvenuto intorno all'1.30 venerdì in direzione Milano, nel comune di Mirano, dopo lo svincolo con la A 57 al Km 375+900: la donna, alla guida di un'Opel Astra, ha tamponato un furgone, restando incastrata nell'abitacolo. E dei criminali ancora nessuna traccia, sono riusciti a dileguarsi di nuovo: la caccia all'auto con 3 persone a bordo che da una settimana sta sfidando le forze dell'ordine è ancora aperta.
 


L'Audi Rs4 gialla con targa svizzera (Canton Ticino), un bolide da 560 cavalli, con pericolosi banditi armati a bordo, è stata rubata il 26 dicembre del 2015 all'aeroporto di Malpensa (Mi). In Veneto è stata avvistata per la prima volta ad Abano, dopo un furto tentato in un'abitazione e la sparatoria con i carabinieri e da quel giorno e caccia aperta. I banditi: secondo i primi riscontri a bordo dell'auto ci sarebbero tre criminali serbo/albanesi.


GUARDA LA MAPPA DEGLI SPOSTAMENTI

LA FUGA DI IERI
Giovedì, intorno alle 16 è stata avvistata a Padova Est ed è stata diffusa l'allarme dai carabinieri. Alle 17 l'auto viene vista a San Stino di Livenza. Alle 17.30 viene intercettata a Redipuglia con direzione Trieste.  Alle 18 sfugge a Prosecco (Ts), sull'altipiano carsico ed anche in questo caso c'è una nuova sparatoria con la polizia ma i banditi riescono a dileguarsi Alle 19.30 viene vista all'uscita di San Donà di Piave.
 Alle 22 è la polizia di Jesolo che intercetta l'Audi R6 al casello di Noventa: inizia la folle fuga in autostrada ma l'auto che viaggia a 260 km/h riesce a seminare la volante.
L'auto viene registrata alle 22.30 in uscita al casello di Montebello Vicentino. Le forze dell'ordine l'avvistano nuovamente a Cittadella (Pd) in direzione Castelfranco Veneto (Tv). Poco dopo l'1 di questa notte è di nuovo in A4 con direzione Venezia. Ad un certo punto fa inversione a U sul Passante e all'1.30 provoca l'incidente mortale. Altra segnalazione è di questa notte a Padova alle 2.30 a Padova Est. L'ultimo avvistamento alle 3 in corso Argentina a Padova con direzione sud.

Le ricerche. I tecnici e gli esperti di monitoraggio di Cav (Concessioni Autostradali Venete), che gestisce il Passante di Mestre, stanno collaborato strettamente con gli uomini della Polizia Stradale di Venezia per ricostruire le dinamiche dei due incidenti che hanno provocato la morte di una donna russa. Ma soprattutto per fornire alle forze dell'ordine ogni informazione utile a far trovare l'Audi gialla con a bordo una banda di rapinatori, ricercati in tutto il Nordest perchè autori di colpi a ripetizione, che al momento dello scontro mortale stavano percorrendo contromano, a 150 chilometri l'ora, il Passante.

L'appello. Nel frattempo le questure del Veneto, attraverso Facebook, hanno rivolto un appello chiedendo «la massima collaborazione ai cittadini» al fine di segnalare «la presenza dell'autovettura Audi RS4 con targa svizzera parziale TI1231.., rubata lo scorso mese di settembre presso l'aeroporto della Malpensa» che nei giorni scorsi è stata notata più volte in diverse province del nord-est «sfuggendo ai controlli di varie pattuglie, in una circostanza dopo che gli occupanti avevano aperto il fuoco contro una gazzella dei carabinieri». Nell'appello si sottolinea che «sembrerebbe attribuibile all'autista di questa auto, che viaggia sempre ad altissima velocità raggiungendo anche i 260 km/h, la responsabilità dell'incidente mortale avvenuto la scorsa notte sul Passante di Mestre». In caso di avvistamento, la Polizia invita a chiamare i numeri di emergenza 113 o 112. «Si raccomanda la massima attenzione al fine di evitare qualunque tipo di azione che possa mettere a repentaglio l'incolumità dei cittadini - conclude l'appello - considerato che l'auto viaggia ad altissima velocità e che gli occupanti sono armati».
Venerdì 22 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 23-01-2016 10:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2016-01-22 13:21:03
Boh, scusate, non vorrei dire una fesseria...in questi casi è facile prendere granchi...ma mi domando: come è possibile non prendere un'auto in fuga in autostrada? A meno che non voli, per le uscite deve passare prima o poi....
2016-01-22 13:41:37
E vai così ! Povera Italia, ogni giorno che passa è sempre peggio.
2016-01-22 17:04:19
Le solite risorse,come sempre.
2016-01-22 17:42:52
hai perfettamente ragione carlozen non è più possibile accettare questo è ora di finirla.
2016-01-22 18:35:43
Risorse da tutelare...un buffetto e di nuovo in corsa
9
QUICKMAP