Milano, immigrato irregolare tenta di accoltellare poliziotto: «Volevo morire per Allah»

«Voglio morire per Allah»: anche se si esclude la pista terrorismo, si stanno concentrando su questa frase, urlata dall'uomo mentre lo portavano in Questura, le indagini sul 31enne della Guinea Bissau che oggi ha tentato di accoltellare un poliziotto alla stazione Centrale di Milano. Per ora sembra che si tratti solo della frase di un esagitato in uno stato di alterazione psichica, e non della dichiarazione d'intenti di un terrorista. Il giubbotto antiproiettile ha impedito che la lama affondasse nella spalla destra, il coltellino multiuso usato dall'africano ha solo graffiato la pelle dell'agente di 31 anni.

L'arrestato per tentato omicidio e resistenza si chiama Saidou Mamoud Diallo ma questo è solo uno dei tanti alias che ha fornito negli anni alle forze dell'ordine. Ha precedenti per minacce, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale, lo scorso 4 luglio il questore di Sondrio ha emesso un ordine di espulsione che è scaduto sette giorni dopo. Dopo la convalida sarà disposto un altro provvedimento di espulsione d'urgenza con accompagnamento a destinazione. Il pomeriggio di Diallo inizia poco dopo le 12:30. Il personale delle navette che fanno la spola con gli aeroporti milanesi lo nota aggirarsi dal lato di piazza Luigi di Savoia, in un'area transennata. Indossava un bermuda beige, una polo bianca a righe rosse e blu, ha un sacco a pelo giallo e uno zainetto, lo stesso da cui ha poi estratto l'arma dopo aver inveito contro gli autisti dei bus.

Di fronte a quel gesto i dipendenti si sono barricati all'interno del mezzo e hanno chiamato la polizia mentre il 31enne ha tentato di forzare la portiera. Quando si è accorto che erano al telefono ha rinunciato ma poco dopo sono arrivate tre volanti con sei agenti a bordo che hanno tentato di farlo ragionare. Diallo ha risposto puntando il coltello contro di loro ed è stato rapidamente atterrato per essere immobilizzato. Ma l'uomo è comunque riuscito a sferrare una coltellata alla spalla del poliziotto. Ha tentato di colpire una seconda volta prima di essere bloccato definitivamente.

Il giubbotto in kevlar ha evitato danni all'agente che è stato comunque accompagnato all'ospedale Fatebenefratelli in codice verde. Nel tragitto per la questura il 31enne, in stato di evidente alterazione, ha poi urlato di voler morire per Allah. La frase non è sottovalutata, soprattutto dopo l'episodio del 18 maggio, quando il ventenne italo-tunisino Ismail Tommaso Ben Yousef Hosni ha ferito a coltellate un agente e due militari durante un controllo in stazione. Ma se in quel caso è stato dimostrato un percorso di radicalizzazione, per Diallo non ci sono elementi che lascino ipotizzare un piano diverso dal raptus.
Lunedì 17 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-07-2017 13:54

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 48 commenti presenti
2017-07-20 08:05:03
Avete capito in che mani siamo? Non si può andare avanti con queste mentalità, con queste culture, con questo modo di vivere e morire.
2017-07-18 10:40:34
Luna 111 ha ragione fuori rom, clandestini, immigrati e ilPd.
2017-07-18 13:49:56
questa gente qui non si integrera' mai, faranno sempre le vittime, ho appena letto sul giornale che una ragazza nell'Arabia Saudita che ha filmato che passeggiava in minigonna, adesso la polizia saudita la cerca perche' deve essere arrestata, la cultura islamica e' ferma nell'anno 600DC, c'e' una differenza come il giorno e la notte. Noi vogliamo andare avanti loro vogliono andare indietro.
2017-07-18 09:13:58
Malato mentale. Quindi se fosse un vero terrorista islamico sarebbe sano di mente?
2017-07-18 08:11:18
uno che vuol morire per allah perche'non si ammazza da solo????!!!!!! questi migranti hanno solo che stufato devono andare tutti a casa, vorrei sapere che benefici ci portano.
48
  • 1,1 mila
QUICKMAP