La lingua e l’identità/ Tolleranza sottozero per i nemici dell’italiano

di Marina Valensise
Attenzione, pericolo. Se continuiamo così, finiremo per comunicare a gesti, o peggio. Le parole sono una cosa seria. Aggettivi, verbi, pronomi, avverbi contano eccome. L’ordine del discorso, non ne parliamo. Con la sintassi e l’analisi logica non si scherza. Non possiamo scherzare. Fondano l’ordine del reale e soprattutto, piccolo particolare non trascurabile, fondano la nostra capacità di mettere in ordine il reale. Inutile dire che scrivere ormai è superato e non serve più, e scrivere bene...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 17 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:06

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-02-18 11:09:51
Finalmente! eccolo il trafiletto che parala di Tiziano Renzi e di D'Alfonso e delle tre tegole sul PD!.....lo sapevo che mi sarei potuto fidare della stampa italian.......no.......qui si parla di sintassi, semantica, ortografia......sarà per questo che abbiamo ministra la Fedeli..........
2017-02-17 14:25:15
Non si sa più scrivere e parlare correttamente perché non si legge.....
2
  • 17
QUICKMAP