Moda, quando l'uomo sbaglia lo stile

di Valeria Arnaldi

I calzini bianchi e i pantaloni con il risvolto di Grease. Le camicie aperte su petti villosi e addominali rilassati di Troppo forte. Le scarpe sportive, passepartout di Willy, il principe di Bel-Air. Senza dimenticare bretelle fantozziane, slip leopardati, bandana, sandali portati con calzettoni, fantasie hawaiane, bomber e chiodi eco dall'effetto cartonato, canottiere in bella vista.
 
 


«Il bruto si copre, il ricco e lo sciocco si adornano, l'elegante si veste», diceva Honoré de Balzac nell'Ottocento, ma, a ben guardare, tra passerelle, web-trend, film e outfit da influencer, vestirsi per l'uomo più che una prova di eleganza è diventata una vera - e ardua - impresa. Sono tanti gli scivoloni di stile compiuti nell'abbigliamento maschile da quando moda e società hanno liberato l'uomo dal rigoroso canone del completo per offrirgli infinita varietà di scelta.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerd├Č 14 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:40

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-04-14 20:06:14
Rilassati Valeria ! Prova anche tu a vestirti come ti gira e non come qualcuna come te ti vuole insegnare. Non ci imporrete questa parità ed io mi tengo il mio calzino corto e l'italica canotta.
2017-04-14 10:34:37
toglietemi tutto, ma non toglietemi i calzini bianchi!
2
  • 11
QUICKMAP