Sessantotto, quella resa ai “contestatori” che l’Italia continua a pagare da 50 anni

di Marco Gervasoni
Ancora non è cominciato e già il cinquantesimo compleanno del ’68 si annuncia come un Carnevale di canuti reduci e di nostalgici. In Francia, addirittura, il presidente Macron, pure nato quasi dieci anni dopo, proclama che la République festeggerà il Maggio, come fa regolarmente con la Rivoluzione del 1789. Ma i motivi di giubilo, almeno da noi, francamente ci sfuggono. Il ’68 per quello che portò di positivo al Paese, fu per lo più inutile. In cambio, ha distrutto quanto vi era di solido,...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 31 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 06-01-2018 22:25

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2018-01-04 08:39:40
La contestazione è stata un passo di grande civiltà. Il 68 ha dato un gran calcio benefico all'Italia della Democrazia Cristiana, dei ministri corrotti, dei servizi segreti deviati, delle trame nere, del falso perbenismo, dell'ipocresia borghese. W il 68!
2018-01-03 17:38:49
di alcune cose te ne do atto lola, anche io ho i miei annetti ma purtroppo molti di quei personaggi si sono stravenduti (parlo di quelli pi√Ļ in vista) . Non si accettavano laureati di quegli anni e sul mondo del lavoro le conquiste fatte non √® stato per merito ne delle sommosse ne dei sindacati (altro nome della mafia). In quanto a societ√† giusta ed equa basta sfogliare i giornali....
2018-01-03 14:16:21
La maggior parte dei "ragazzi" sessantottini √® responsabile del caos e delle devastazioni provocato nelle scuole e nelle piazze dove si contestava tutto e di tutto senza avere minimamente l'idea di cosa fare per cambiare lo stato delle cose. Sono gli stessi " ex proletari" che oggi sono al potere e che hanno creato pi√Ļ disuguaglianza sociale impoverendo il paese sia economicamente, sia culturalmente ....d'altronde che ci si poteva aspettare dai contestatori ideologici che pretendevano il sei politico senza aprire minimamente i libri ed inneggiavano al potere comunista in tutte le sue sfaccettature? Certo adesso √® scomodo ricordare quegli anni ....per√≤ sappiano che per quanto cerchino di dimenticare, la storia non si cancella
2018-01-07 16:22:17
Il sessantotto allora inizio per contestare la guerra in Vietnam voluta dalle elite (da tal richard nixon tanto per fare un nome): Lei che pensa: avrebbero dovuto tacere e lasciar fare? Il Suo è un puntoi di vista interessante ma ignora i fatti e decontestualizza.
2018-01-03 12:39:18
scusami lola, hanno cambiato la società?
23
  • 95
QUICKMAP