Scuola De Luca, via ai lavori di messa in sicurezza
I genitori: «Era ora». La dirigente: «Siamo soddisfatti»

di Gianpaolo Russo
Alla fine è arrivato il lunedì giusto. Dopo tanti annunci e promesse, finalmente i lavori per la messa in sicurezza di un'ala pericolante della scuola elementare e materna Ignazio De Luca, in viale America Latina, sono iniziati. Ieri l'impresa Ambrosetti di Fiuggi è entrata nel cantiere per creare percorsi protetti ai bambini che si recano a scuola e per cercare di attutire gli inevitabili rumori delle lavorazioni effettuate in contemporanea con le lezioni scolastiche. «Era ora» è stato il commento più gettonato da parte dei genitori che ieri mattina hanno accompagnato i figli a scuola e costatato l'apertura del cantiere. Ora la speranza e che non ci siano altri intoppi e che si proceda spediti. Il cronoprogramma prevede dopo una prima fase di recinzioni e di protezioni l'abbattimento delle pareti dell'ala ritenuta pericolosa. Abbattimento che il direttore dei lavori Luciano Fiorillo, di concerto con l'impresa e la direzione scolastica, intende fare durante le giornate di sabato e domenica così da non interferire con l'attività didattica. Dopodiché si procederà a rafforzare i pilastri e a installare dei pannelli più leggeri sull'ala a rischio, così da garantire stabilità a quella porzione di edificio. La durata dei lavori è stimata in un paio di mesi e con alcuni avanzi di cassa (circa 15mila euro), dovuti al ribasso d'asta in fase di gara, si conta di restituire un po' di decoro anche alla parte di facciata interessata. Soddisfazione da parte del dirigente scolastico Monica Fontana: «Siamo soddisfatti dell'avvio dei lavori. Si chiude un capitolo importante per rendere più sicuro e decoroso il plesso che dal 2009 attendeva lavori di manutenzione straordinaria. Interventi che faranno vivere i bambini della scuola primaria e dell'infanzia in un ambiente più adatto all'apprendimento».
Dopo la De Luca i fari ora sono puntati sui lavori di messa in sicurezza della scuola elementare Fedele Calvosa di via Corina. Da settembre i bambini di questo plesso sono stati trasferiti provvisoriamente alla Dante Alighieri di via Fosse Ardeatine. L'amministrazione comunale ha aperto le buste e assegnato la gara, ma è in attesa delle certificazioni dell'Anac sulla ditta. Se tutto andrà bene, il cantiere potrà essere aperto entro fine anno, altrimenti occorrerà attendere gennaio. Nel plesso si dovrà rifare il tetto pericolante. Sempre in tema di edilizia scolastica sono stati stanziati i 20mila euro per saldare i tecnici e i progettisti dei lavori alla scuola di Colle Cannuccio, zona San Liberatore. In questo caso occorre rafforzare le fondazioni su un terreno che in passato è stato oggetto di movimentazioni verso valle. Poi vanno rifatti alcuni locali adibiti a servizi igienici. Obiettivo dell'amministrazione è cominciare i lavori a inizio 2018 per poi aprire la scuola nel nuovo anno scolastico a settembre e chiudere il plesso di via Ferrarelli al rione Giardino risparmiando così i costi dell'affitto.
 
Martedì 5 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA

QUICKMAP