Ragazzi uccisi in Israele, il Papa telefona al rabbino Di Segni: «Dolore per queste vittime»

di Franca Giansoldati
​«Pronto buonasera, sono Papa Francesco...» Qualche frazione di secondo. «Desideravo tanto manifestarle personalmente il mio dolore per la morte dei tre ragazzi». La telefonata a casa al rabbino Riccardo Di Segni è arrivata nel tardo pomeriggio, proveniente da Santa Marta. Un attimo di esitazione, e poi il colloquio si è sciolto. All'indomani del ritrovamento dei corpi di Eyal Yifrah (19 anni) Gilad Shaar (16) e Naftali Fraenkel (16), rapiti il 12 giugno mentre facevano l'autostop in Cisgiordania, il Papa ha voluto esprimere il suo sostegno umano e spirituale alle famiglie delle vittime. «Prego per loro». Il rabbino non se l'aspettava una chiamata del genere, diretta e immediata,, anche perché la Santa Sede aveva appena affidato al portavoce una dichiarazione di condanna «piuttosto dura» su quanto avvenuto.

La sorpresa «All'inizio, quando ho risposto e ho sentito dall’altro capo la voce inconfondibile del pontefice, ho pensato a uno scherzo. Sì, a uno scherzo, perché non è cosa frequente». In passato era sempre stato lui a cercare il pontefice e mai viceversa. «Stavolta, invece, è stato una specie di motu proprio papale». Sorride Di Segni mentre racconta il perché della chiamata. Cinque o sei giorni fa era stata fissata una udienza alle mamme e ai papà dei tre ragazzi. «I collaboratori del pontefice avevano stabilito l'incontro per lunedì prossimo. Sarebbero tutti arrivati apposta da Israele. Purtroppo gli eventi sono andati in un'altra direzione; quei ragazzi non ci sono più». Mentre prendeva visione degli impegni della prossima settimana, tra cui l'udienza alle famiglie israeliane, Francesco si è chiesto se vi fossero notizie ulteriori. «Ha così preso l'iniziativa per domandarmelo direttamente, e sapere cosa fare, come procedere». Dialogo e collaborazione. I familiari dei giovani avevano contattato il rabbino una settimana fa pregandolo di fare da tramite per ottenere il colloquio papale. «Mi ero messo d'accordo con alcuni funzionari. Ovviamente la notizia era tenuta molto riservata. Stamattina li ho avvertiti che l’incontro si sarebbe dovuto rinviare, anche perché secondo il rito ebraico, i familiari del defunto, a sepoltura avvenuta, hanno l’obbligo di sospendere ogni attività per sette giorni. Sicchè un viaggio in questa condizione sarebbe stato impensabile». Il Papa ha fatto sapere a Di Segni che la disponibilità ad abbracciare queste mamme in preda al dolore rimane immutata. «E' stata una conversazione familiare, dai toni molto umani. E' un uomo fuori dall'ordinario». Prima di salutare Francesco il rabbino (che è anche un medico) ha voluto avere ragguagli sulle condizioni di salute del pontefice. «Come sta? Leggiamo di voci preoccupanti...» Immediata la chiusa dell'interlocutore. «Guardi, non è niente. E' che mi fanno lavorare troppo qui dentro».
Mercoledì 2 Luglio 2014, 01:24 - Ultimo aggiornamento: 02:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
ALEX20
15:38:00, 2014-07-03
X minnamor palestinesi cattivi o criminali guerrafondai ?
I palestinesi hanno attaccato l'ambulanza che trasportava i corpi dei tre ragazzi. Sembra la storia di Sodoma e Gomorra: le preghiere di Abramo non servirono, non c'erano nemmeno 10 persone rette. Pensate di trovarne 10 tra i palestinesi?
minnamor
18:30:00, 2014-07-02
E gli altri?
Oltre 10 palestinesi uccisi e più di 400 arrestati senza incriminazione nè scadenza di detenzione. Forse i palestinesi sono carne da macello per il Vaticano?
collesanese
13:14:00, 2014-07-02
Abu Mazen + Bergoglio X Israel end
Chissà perchè il sig. Bergoglio non ha telefonato anche al leader dell'OLP per esprimergli la sua condanna e il suo disappunto per ciò che i "guerrieri" palestinesi hanno compiuto?
3
QUICKMAP