Isis, video con minacce all'Italia: «Siamo a sud di Roma»

La minaccia dell'Isis contro l'Italia è ormai reale e diretta. In un nuovo video diffuso dalla Libia, il boia di 21 egiziani copti, rapiti tra la fine di dicembre e gennaio, avverte:





«Ci avete visti in Siria, ora siamo qui, a sud di Roma». L'annuncio di un nuovo filmato, intitolato «Messaggio firmato con il sangue alla Nazione della Croce» e attribuito a un gruppo che si identifica come 'Lo Stato Islamico della provincia di Tripolì, circolava sul web già da qualche ora. Poi in serata la conferma del Site, il sito americano di monitoraggio del jihadismo in internet.



Le immagini - di cui erano state anticipate nei giorni scorsi alcuni fotogrammi - sono, come sempre, raccapriccianti. Gli ostaggi in tuta arancione camminano lungo una spiaggia libica, accompagnati da uomini mascherati e in uniforma nera, ciascuno armato di un coltello. Le vittime vengono fatte inginocchiare, la loro sorte è facilmente immaginabile anche senza andare avanti. Le acque del Mediterraneo si colorano di rosso sangue: «Avete buttato il corpo di Osama bin Laden in mare, mischieremo il suo sangue con il vostro», dice la voce in un inedito omaggio alla memoria del leader di Al Qaida: ucciso dai Navy Seals nel 2011 in Pakistan e il cui corpo fu gettato in mare dalle forze Usa per evitare una tomba-santuario. Il 'portavocè del gruppo di tagliagole, in tuta mimetica e passamontagna beige, brandisce anche lui un coltello insanguinato, rivolgendolo verso il mare, e usando la mano sinistra come 'John il jihadistà, il boia britannico tristemente noto per aver ucciso gli ostaggi occidentali in Siria.



Ma, fa notare Rita Katz, direttore del Site, «sembra avere accento e voce diversi» da quelli dei video precedenti. La notizia dell'uccisione dei 21 cristiani copti, rapiti a Sirte, era stata diffusa il 12 febbraio scorso da alcuni media egiziani, ma fino a stasera non è mai confermata dalle autorità del Cairo. La rivista dell'Isis, Daqib, aveva poi pubblicato 5 foto ritagliate dal video a corredo di un articolo intitolato «Vendetta per i musulmani perseguitati dai crociati copti d'Egitto», con minacce alla comunità cristiana egiziana: «È importante - vi si leggeva - che i musulmani sappiano che ci sarà un grande premio nel giorno del Giudizio per chi farà scorrere il sangue di questi crociati copti».





IL LUTTO

La Chiesa copta egiziana è in lutto dopo il video dell'Isis sull'esecuzione di 21 copti egiziani per mano dell'Isis in Libia. Lo scrive l'agenzia di stampa egiziana Mena. «La Chiesa - si legge in una nota - è fiduciosa che la sua grande nazione non resterà passiva fino a quando questi criminali non saranno consegnati alla giustizia. Siamo convinti che lo Stato proteggerà i suoi cittadini. Porgiamo le nostre condoglianze alla nazione, preghiamo perchè Dio protegga l'Egitto, la sua unità e che la pace prevalga».



ACCENTO AMERICANO

Sembra parlare inglese con accento nordamericano il miliziano che compare e scandisce minacce nell'ultimo video attribuito all'Isis sullo sfondo dell'annuncio della decapitazione di decine di ostaggi. Lo nota la Ap in una corrispondenza dal Cairo. Si distingue dagli altri perchè è vestito in maniera diversa e, rivolgendosi alla telecamera, è colui che pronuncia un inedito omaggio alla memoria di Osama Bin Laden: «Avete buttato il corpo di Osama bin Laden in mare, mischieremo il suo sangue con il vostro».
Domenica 15 Febbraio 2015 - Ultimo aggiornamento: 16-02-2015 07:33

© RIPRODUZIONE RISERVATA

QUICKMAP