Vittorio Sgarbi è il nuovo sindaco di Sutri: «Qui un polo attrattivo a livello mondiale»

Lunedì 11 Giugno 2018 di Massimo Chiaravalli
5
Un paese di 6 mila e 600 anime con primo cittadino un critico d'arte, già parlamentare, che in quel borgo vede un "Rinascimento", come il nome della sua lista. Vittorio Sgarbi è il nuovo sindaco di Sutri, in provincia di Viterbo: ha avuto la meglio su Lillo Di Mauro, consigliere di opposizione uscente. Sgarbi si è imposto con il 58,79 per cento, ovvero 2.207 voti, contro il 41,2 dell'avversario, portandosi a casa 8 dei 12 seggi in ballo.

All'inizio della campagna elettorale aveva motivato la sua scelta di candidarsi a Sutri, «esclusivamente per amore della Bellezza - ha detto - e da un senso di responsabilità verso una ricchezza nota ma inespressa». Ha risposto anche a quanti gli rimproveravano di non essere del posto: «Ho fatto una scelta che è legata al vivere Sutri come una sposa, che vuoi che sia tua perché ne vedi delle particolarità che altre non hanno. Sutri è disordinata, è sporca, il centro storico è pieno di fili della luce penzolanti, che c’è ovunque la plastica, dappertutto, nei ristoranti, tra le vie. Sedie, vasi di plastica. Occorre un minimo di decoro. Una città bella deve avere il legno, il cotto, deve poter vivere nell’idea della Bellezza».

Negli ultimi giorni Sgarbi ha incontrato anche il vescovo Romano Rossi, con il quale ha condiviso l'idea di far nascere una sede espositiva per grandi mostre internazionali: il museo della Tuscia. «Sarà un polo attrattivo mondiale - spiega - capace di racchiudere nelle magnifiche stanze della sede vescovile, che rinascerà come Palazzo Doebbing. La mia intenzione è restituire a Sutri il posto che merita nella storia. Sarà un Rinascimento politico, economico e morale. Nessuno, se vorrà, sarà lasciato indietro». Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 11:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Basta con l'oltraggio ultrà al centro di Roma

di Alvaro Moretti