Rivela indirizzo a sconosciute che la derubano, la Questura: «Chiamate se avete sospetti»

La Questura di Viterbo
2 Minuti di Lettura
Martedì 16 Febbraio 2021, 06:25 - Ultimo aggiornamento: 14:54

Pericolo truffatori? Il consiglio è uno solo: chiamare le forze dell’ordine. La Questura di Viterbo, ormai da mesi, ha avviato una campagna per aiutare i cittadini a riconoscere probabili truffatori dai semplici promotori porta a porta o operai di ditte specializzate. «La segnalazione al 113 - affermano dagli uffici di via Romiti - di persone sospette che si aggirano nelle zone cittadine o nei condomini, previene spesso spiacevoli situazioni».

A conferma di ciò due casi accaduti proprio in questi giorni nel capoluogo. Due operatori dell’Enel si sono presentati in un condominio in città per alcuni lavori. Una signore che vive nel palazzo, insospettita dai due operai, ha chiesto aiuto alla sala operativa della Questura. In pochi minuti la centrale ha inviato l’equipaggio della Squadra Volante per i controlli del caso. 

Tutti gli operatori a domicilio che si presentano a casa devono necessariamente inviare la comunicazione agli uffici della polizia ed entrare in uno speciale elenco. Grazie a questo elenco gli agenti controllano e riescono a prevenire le truffe.

Nel caso della signora preoccupata per gli operai Enel la Volante ha potuto constatare la veridicità di quanto dichiarato dai due lavoratori, che effettivamente erano stati, regolarmente incaricati ad effettuare alcuni lavori nel condominio. Non altrettanto avveduta, invece, una donna, sempre di Viterbo, che nei giorni scorsi ha denunciato un furto in appartamento. La stessa poco prima, fuori casa, era stata avvicinata da due donne, alle quali aveva ingenuamente rivelato il proprio indirizzo. 

In questo periodo di emergenza sanitaria le truffe a gente anziana e sola in casa, purtroppo, sembrano essere in salita e le forze dell’ordine stanno facendo il possibile per prevenire e controllare il territorio. «Segnalare tempestivamente al 113 ogni circostanza anomala o sospetta - afferma ancora la Questura - può scongiurare tentativi di truffe, raggiri o illegalità ancora più gravi. Per questo invitiamo sempre i cittadini a contattarci, anche solo per effettuare delle semplici verifiche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA