Macchina di Santa Rosa, no al trasporto: perché manca l'annuncio. L'ipotesi con soli 7mila spettatori

Il trasporto della Macchina di Santa Rosa
2 Minuti di Lettura
Lunedì 19 Luglio 2021, 07:15 - Ultimo aggiornamento: 14:35

Trasporto 2021, vedi alla voce 2020. Nonostante i tentennamenti dell’amministrazione Arena il passaggio di “Gloria” nella notte del prossimo 3 settembre è già stato cancellato. Come l’anno scorso, causa Covid, non ci sono le garanzie di sicurezza per consentire il Trasporto lungo il percorso della Macchina di Santa Rosa. Anche se uno studio-simulazione ipotizzerebbe una soluzione: permettere la presenza di pubblico, con le dovute protezioni-distanziamenti anti-contagio, a “sole” 7mila persone lungo il tragitto.

Il prefetto Giovanni Bruno, che da tempo tiene nel mirino le magagne di questa amministrazione (pulizia e decoro, buche, verde pubblico, risorsa termale ecc.) inviando note dolenti a palazzo dei Priori, è stato chiaro: con questa situazione sanitaria il Trasporto non è possibile. Il destinatario dell’input è stato ancora il sindaco Giovanni Arena, ma l’annuncio che si definisce ufficiale sulla cancellazione dell’evento più amato dai viterbesi non c’è. In attesa, pare, del prossimo consiglio comunale.

Perché questo ritardo? Pur con la consapevolezza che ormai i tempi tecnici per mettere in piedi il Trasporto 2021 sono sfumati, Arena rimanda. Maniacalmente attento alla sua immagine, soprattutto quella sui social che inonda di post, non vuole passare alla storia come il sindaco che per due anni di seguito non ha visto sfilare il “campanile”. Rimanda e ripensa, ecco che nei giorni scorsi è spuntata l’idea di commissionare - a un esperto della sicurezza di eventi e manifestazioni a Viterbo - un’ipotesi di Trasporto Covid-free.

Risultato: per tentare di bloccare i contagi in una serata così affollata nel centro città, avrebbe calcolato l’esperto, si dovrebbero ammettere lungo il percorso non più di 7 mila persone. Già, ma come farle accedere, come contarle e controllarle? Impossibile. Da qui la conseguente decisioni di dire stop.

L’escamotage per salvare la faccia ci sarebbe. Ma ad Arena sembra poco. Ecco allora l’ulteriore idea di portare tutto in consiglio comunale, ipotesi tecnica compresa, per condividere la decisione “negativa” nell’ultima assise prime delle vacanze estive. Con l’immancabile arrivederci al dopo Santa Rosa. Già, ma quale?

© RIPRODUZIONE RISERVATA