Spettacoli estivi, Dante, conclave: ecco tutti gli eventi finanziati dal Comune

Spettacoli estivi, Dante, conclave: ecco tutti gli eventi finanziati dal Comune
di Massimo Chiaravalli
2 Minuti di Lettura
Venerdì 16 Luglio 2021, 06:20 - Ultimo aggiornamento: 11:54

Eventi estivi, anniversari danteschi e del conclave: dal Comune pioggia di finanziamenti. O meglio, finanziamenti a pioggia. Al bando, articolato in due sezioni, sono state infatti ammesse 38 iniziative, che saranno spalmate fino a ottobre nel primo caso, fino a dicembre nel secondo. In mezzo a tanti rivoli concessi, a parte alcune kermesse storiche, nel cartellone manca però il grande evento di richiamo, quello che fa fare il salto di qualità.

Palazzo dei Priori ha stanziato 145 mila euro, il grosso del piatto andrà per gli eventi estivi, ovvero 120 mila. Sono invece 25 mila per Dante e conclave. La bella stagione è ormai iniziata, a metà luglio si conoscono le iniziative ma il cartellone deve ancora essere compilato: vanno incastrate le date per evitare sovrapposizioni, anche se il bando chiedeva di indicarne diverse proprio per questo. In entrambe le sezioni la voce più rilevante riguardava l’importanza e la qualità della proposta, con un massimo di 60 punti. A seguire il curriculum del proponente e infine, rispettivamente, la potenziale ricaduta in termini turistico culturali per l’estate e la valorizzazione e promozione dei luoghi per conclave e Sommo poeta.

Tra i 27 eventi estivi ammessi, ha ottenuto il punteggio più alto il Tuscia Film Fest, cui è stato assegnato un importo di 13 mila euro, laddove il massimo consentito era di 15 mila. A ruota Quartieri dell’arte (12.500), Ludika (10.500), Cinema e terme (850) e Medioera (10 mila). Dentro anche Viterbo & friends di Yuppiter, Jazz up, Ciocco Tuscia, lo Slow food village. C’è pure la Festa patronale a Roccalvecce (1.500).

Tra i grandi esclusi invece il Festival Barocco, Viterbo con Amore ed Estasiarci: il primo perché contempla iniziative anche in altri Comuni, gli altri due perché il piano finanziario è risultato errato. Stessa motivazione, l’ultima, per il Guitar festival, l’Estate bagnaiola. Curioso il caso del Festival tradizioni locali: ammesso ma zero finanziamenti.

Si spartiscono i 25 mila euro della sezione Dante e conclave, tra gli altri, la Stagione dantesca (3.600) Il viaggio di Alichina (3.500), Dante e i Papi (3.300), Viterbo e il conclave (1.500), Gastronomia al tempo di Dante (500). Niente da fare invece per la Divina infiorata: il piano finanziario non era conforme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA