"Scuole sicure", fino al 14 gennaio test antigenici gratis per gli studenti tra i 14 e i 18 anni

Il drive in del Riello
di Federica Lupino
2 Minuti di Lettura
Sabato 2 Gennaio 2021, 07:10 - Ultimo aggiornamento: 19:22

L’operazione si chiama “Scuole sicure”. Prevede che da lunedì e fino al 14 gennaio gli studenti tra i 14 e i 18 anni potranno, su base volontaria, sottoporsi ai test antigenici. L’iniziativa è stata adottata dalla Asl nell’ambito delle azioni studiate su base regionale per limitare la diffusione della pandemia “in particolare all’interno di contesti comunitari”, come riporta la nota ufficiale inviata ai sindaci e ai dirigenti scolastici di tutta la provincia. Proprio i presidi hanno già inoltrato ai genitori la comunicazione, oppure l’hanno pubblicata sui portarli degli istituti affinché compilino il consenso allo screening.

Saranno cinque i punti dedicati alla campagna in tutta la provincia: innanzitutto, i drive-in già operativi. A Viterbo quello del Riello potrà essere utilizzato dagli alunni delle superiori tutti i giorni tranne il 6 gennaio, dalle 14 alle 19; quindi Civita Castellana, all’interno dell’Andosilla, dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19; e ancora l’ospedale di Tarquinia, dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 e Acquapendente il martedì, il giovedì e il venerdì dalle 15 alle 19.

Nel capoluogo, inoltre, ci sarà un’opportunità in più per sottoporsi agli antigenici: il primo walk-in della Tuscia, che aprirà questa settimana alla Cittadella della Salute. A differenza del drive-in, qui ci si potrà sottoporre ai test seguendo un percorso a piedi e non rimanendo in auto.

Le modalità di esecuzione sono chiare: test antigenico rapido, ovvero doppio tampone nasale. Lo studente, su base volontaria e gratuita, potrà recarsi in uno dei punti dedicati senza impegnativa e accompagnato da un genitore se minorenne. Serve però la prenotazione sul sito www.salutelazio.it. In caso di positività, seguirà un tampone molecolare e, inattesa del referto, il ragazzo dovrà osservare l’isolamento preventivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA