Dal Pnrr 32,9 milioni di euro per il sistema sanitario della Tuscia

La direttrice generale Asl Viterbo Daniela Donetti e l'assessore regionale Alessio D'Amato
di Diego Galli
2 Minuti di Lettura
Martedì 11 Gennaio 2022, 05:50 - Ultimo aggiornamento: 12:04

È una vera e propria rivoluzione quella annunciata dall’assessore regionale Alessio D’Amato e dal direttore generale della Asl viterbese Daniela Donetti in un incontro ieri mattina. Presenti all’appuntamento anche molti sindaci della Tuscia, il consigliere regionale Enrico Panunzi e l’assessore regionale Alessandra Troncarelli. I quasi 33 milioni di euro annunciati fanno parte dei fondi del Pnrr in arrivo dall’Europa. “Per non perderli – ha premesso l’assessore alla Sanità della Regione Lazio – sarà necessario che tutte le amministrazioni facciano fronte comune, o sarà stato tutto vano”.

Tra gli altri paletti che preoccupano D’Amato, anche la scadenza per presentare i progetti: il 28 febbraio. “Entro questa data – ha precisato – sarà necessario presentare le eventuali modifiche, ma non possiamo permetterci alcun ritardo, o perderemo tutto”. La rivoluzione della sanità, presentata da Donetti ai presenti, interessa molti dei comuni del Viterbese e ha come obiettivo ultimo quello di creare una rete digitale in grado di "rendere il domicilio il primo luogo di cura di ogni cittadino".

Nello specifico, il piano prevede 8,4 milioni di euro per la realizzazione di 12 Case di Comunità nei comuni di Bagnoregio, Tarquinia, Tuscania, Montefiascone, Acquapendente, Bolsena, Viterbo, Orte, Soriano, Civita Castellana, Ronciglione e Vetralla. Un milione di euro è previsto per le 5 Centrali operative territoriali che troveranno luogo a Tarquinia, Viterbo (3) e Civita Castellana. Altri 3,5 milioni saranno destinati alla realizzazione di 4 Ospedali di Comunità che sorgeranno ad Acquapendente, Montefiascone, Orte e Ronciglione. 7,6 milioni di euro saranno invece dedicati al rafforzamento tecnologico della rete ospedaliera, con nuove apparecchiature per l'ammodernamento della Asl di Viterbo. I restanti 12,4 milioni di euro, la fetta più grande, saranno infine destinati all’adeguamento sismico degli ospedali di Tarquinia e Civita Castellana.

“Non dobbiamo perdere tempo – ha sottolineato più volte D’Amato – il rafforzamento della sanità territoriale è un aspetto basilare per la crescita della nazione e per questo è imperativo non perdere nessuno dei fondi messi a disposizione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA