La devozione religiosa diventa arte nei presepi sparsi nelle chiese della Tuscia

La devozione religiosa diventa arte nei presepi sparsi nelle chiese della Tuscia
di Carlo Maria Ponzi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 31 Dicembre 2021, 05:20 - Ultimo aggiornamento: 1 Gennaio, 13:06

Visto che in vari centri è stata annullata la rappresentazione dei presepi viventi per evitare contagi Covid, ci si può consolare andando alla ricerca di presepi statici sparsi in chiese e giardini.

Il capoluogo fa il pieno di occasioni. Tra i più spettacolari quello ospitato nella casa di Santa Rosa (accesso dalla via omonima) aperto fino al 6 gennaio e visitabile nei giorni di giovedì, sabato e domenica dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 17.30. Un altro rilevante colpo d’occhio lo offre il presepe artistico delle casa di cura “Villa Rosa” (viale Baracca 21); info e prenotazione: 0761337 8999. Il presepe della chiesa della Sacra Famiglia del quartiere Salamaro è invece opera collettiva – assemblata in parrocchia - dei membri dell’associazione “Amici del presepe”. Al chiostro del santuario di Santa Maria della Quercia la tradizionale mostra dei 100 Presepi in cui risalta la creazione in cartapesta dell‘architetto Giorgio Pulselli, autore di tanti lavori col materiale. L’apertura è fissata nel pomeriggio dei giorni feriali, mentre in quelli festivi per l’intera giornata. Ma uno straordinario presepe su tela, dipinto da Antonio del Massaro, detto Il Pastura (1450-c. 1516), si può ammirare – magari gettando uno sguardo anche ai tanti tesori ivi raccolti – al museo civico “Rossi Danielli” di piazza Crispi.

Merita una passeggiata in quel Vitorchiano dove sono esposti sulle principali vie del centro storico numerosi presepi: “Un piccolo e suggestivo tour - spiegano gli organizzatori delle Pro loco e del Comitato festeggiamenti di San Michele Arcangelo - per riscoprire la storia, il valore e il vero significato del presepe, tra fede e tradizione”.

A Capodanno e il 6 gennaio vale la pena arrivare a Villa San Giovanni in Tuscia per estasiarsi con la mostra di presepi artistici ordinati nella chiesa di Sancta Maria ad Nives. «La chiesa – rivela Giancarlo Ventura - situata nel centro storico del paese, recentemente restaurata, costituisce un’ideale cornice per accogliere le opere presepistiche. La sua struttura architettonica, le opere pittoriche e le antiche suppellettili contribuiscono a creare un’atmosfera ideale in sintonia con il Natale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA