Piscina, in Comune affonda il nuovo centro federale: la maggioranza perde altri pezzi

Venerdì 31 Luglio 2020 di Massimo Chiaravalli
Erano appena in 17, compreso il sindaco Giovanni Arena. Troppo pochi per approvare la delibera di istituzione del centro federale Fin alla piscina comunale. E così oggi pomeriggio per due volte è mancato il numero legale: seduta deserta e tutto da rifare.

Gestione piscina senza bando, l'opposizione dichiara guerra: va in Procura e diserta la commissione

All'appello per la maggioranza sono mancati Vittorio Galati (Lega), Isabella Lotti (Forza Italia), Gianmaria Santucci e Sergio Insogna (Fondazione). Mentre gli ultimi due sono sempre stati critici sul tema, quindi potevano essere classificabili alla voce "voto tutt'altro che sicuro", Galati e Lotti hanno di fatto inabissato le speranze del sindaco.

Arena aveva infatti puntato tutto sulla nascita del centro federale, facendo quasi un referendum su di sè, sempre sicuro che al momento opportuno i numeri ci sarebbero stati. E invece all'atto pratico è stato colpito e affondato: in parte dalla sua stessa maggioranza, in parte dall'opposizione, che dopo una lunga battaglia in aula ha fatto mancare il numero legale. © RIPRODUZIONE RISERVATA