CORONAVIRUS

Viterbo, caos ztl sugli orari. L'assessore Allegrini avverte: «Decisione presa, andiamo avanti»

Venerdì 29 Maggio 2020 di Luca Telli
Giovanni Uselli, titolare del ‘Labirinto’ di via San Lorenzo ristorante tra i più longevi in città, ieri è rimasto chiuso per protesta. Ha serrato la saracinesca contro un provvedimento ‘piovuto dal cielo e senza un confronto’. Se la prende, come molti suoi colleghi di bar e ristoranti (ma anche fornai, abbigliamento e alimentari) del quartiere di San Pellegrino, contro la nuova ztl che entrerà in vigore (forse) oggi. Rigida, troppo secondo i commercianti.

«Dal lunedì al giovedì, dalle 19 alle 6 del giorno successivo, e dal venerdì alla domenica, festivi compresi, dalle 10,30 alle 6 del giorno successivo, come si fa a lavorare?”, spiegano. Il punto di vista, per quasi tutti uguale: «Una scelta che sarebbe stata opportuna se ci fossero stati turisti in giro ma così è una salto nel vuoto». Che destabilizza e contribuisce a alzare il livello di guardia dopo due mesi di chiusura forzata e con i consumi fermi.
«Prima di vederli tornare a salire dovremo aspettare, c’è poco da fare. La ztl così strutturata si trasforma in un deterrente piuttosto che un incentivo».

Discorso che non condividono a Palazzo dei Priori. Solo lunedì, il sindaco Giovanni Arena aveva sottolineato l’estensione della zona pedonale come necessaria  dopo l’ampliamento delle concessioni dello spazio pubblico a ristoranti e bar, le attività più colpite dalla crisi. Parole riprese e condivise dall’assessore allo sviluppo economico Alessia Mancini e del centro storico Laura Allegrini che difende il provvedimento: «Si tratta di una scelta ponderata, frutto di un lungo lavoro di confronto e sottoposta, con esito positivo, a tutti i capigruppo – spiega –. Per quanto mi riguarda, almeno per ora non si torna indietro. È un provvedimento sperimentale, rendiamoci almeno conto di quali saranno i suoi effetti prima di cambiare idea».

Parole che si strozzano in gola almeno a un fazione della Lega che potrebbe aprire un frattura all’interno delle coalizione. Per il consigliere Vittorio Galati infatti: «La delibera potrebbe avere dei profili di illegittimità perché nell’ultimo Dpcm e anche nell’ordinanza di Zingaretti si parlava di cibo da asporto – dice – Come fa chi deve prendere cibo da portare via a farlo se il centro è chiuso».

 Le Lega, da parte sua, aveva già alzato la voce nei mesi scorsi quando sul piatto della bilancia c’era l’orario di chiusura dei locali. «Sostegno alle imprese e programmazione», era stato in quell’occasione l’adagio ripetuto. Lo stesso impugnato e ripreso oggi. Insieme a ‘progressività’ del programma di cambiamento. Senza strappi e, nel caso specifico della ztl, attraverso una chiusura graduale. Secondo Galati, uno spiraglio si potrebbe aprire tra luglio e agosto pensando, per ora, a ridurre la forbice di chiusura. Così, almeno, fino a quando l’emergenza sarà terminata e il turismo tornerà a fare comparsa in città.

Quello che è certo è che i commercianti non hanno intenzione di mollare il punto: «Non lasceremo morire la cosa  - spiegano - visto che, di mezzo, ci sono imprese in difficoltà che significa anche famiglie a rischio». Tra un settimana, il fronte contrario alla ztl, dovrebbe incontrarsi di nuovo per redigere un manifesto programmatico e presentare perplessità e richieste.

Come in Comune, l’unanimità manca anche tra gli esercenti. Per alcuni infatti l’ampliamento della zona a traffico limitato e la possibilità di offrire un servizio all’aperto, potrebbe essere un volano in questi mesi difficili. Ultimo aggiornamento: 15:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani