Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Viterbo, FdI da Giorgio a Giorgia:
mercoledì la Meloni in piazza delle Erbe

Il flash mob di Fratelli d'Italia
di Massimo Chiaravalli
2 Minuti di Lettura
Sabato 3 Maggio 2014, 13:13 - Ultimo aggiornamento: 15:17
Da Giorgio a Giorgia. Un flash mob per lanciare l'arrivo del loro leader a Viterbo, nella stessa piazza in cui teneva i comizi Giorgio Almirante. Fratelli d'Italia hanno scelto la Banca d'Italia per mettere in scena una protesta contro Europa ed euro, in attesa che Giorgia Meloni mercoledì prossimo alle 21 salga sul palco in piazza delle Erbe proprio per le prossime elezioni europee.



Stamattina a mezzogiorno una decina di esponenti del partito hanno srotolato un grosso tricolore davanti all'entrata della Banca d'Italia (oggi chiusa), e davanti ancora un altro raffigurante una moneta da un euro e due banconote da mille lire e sotto la scritta: "Questo euro non vale una lira". Sopra le teste, un drone a riprendere l'iniziativa, mentre il portavoce Paolo Bianchini e il consigliere comunale Luigi Maria Buzzi strappavano una banconota da 500 euro.



I motivi del flash mob? Eccoli: «Strappiamo simbolicamente questa banconota - ha detto Bianchini - perché l'Italia deve tornare a sovranità popolare e monetaria. Questa Europa è in mano a tecnocrati e burocrati che fanno gli interessi di pochi». Quindi l'annuncio dell'arrivo del leader Giorgia Meloni. L'iniziativa non è piaciuta però ai carabinieri, che alla fine sono intervenuti chiedendo i documenti a tutti, cronisti compresi.