Mezzi Cotral con il virus? L'azienda all'attacco: «Dal sindaco e Ciambella fake news»

Terminal Cotral al Riello
2 Minuti di Lettura

«Apprendiamo con stupore del dibattito nato all’interno del consiglio comunale di Viterbo circa la presunta presenza di tracce di virus Covid -19 a bordo dei bus Cotral in servizio nella Tuscia, rilevata dai carabinieri del Nas nel corso delle ispezioni. Dispiace constatare che sia il sindaco Arena, sia la consigliera Ciambella siano male informati e sostengano la diffusione di vere e proprie fake news».

Così la presidenza dall'azienda regionale del trasposto pubblico ha replicato oggi a quanto emerso nella seduta del consiglio municipale dello scorso giovedì, in uno scambio tra il consigliere di minoranza Luisa Ciambella e il primo cittadino. L'argomento, dopo la notizia sulle ispezioni dei carabinieri sui mezzi di trasporto del Lazio, era stato sollevato nel parlamentino locale da un'interrogazione 

«Va ribadito che nessuna “segnalazione da Cotral” è stata inviata al sindaco Arena - ha spiegato l'azienda - e che nessun bus Cotral, tra quelli ispezionati a Viterbo, è risultato “positivo” ai tamponi effettuati nei controlli. Informazione già notificata dall’azienda alla Prefettura di Viterbo». La Cotral ricorda che «tutti i protocolli di igiene e di sanificazione vengono rispettati quotidianamente e sono monitorati dall’azienda nel rispetto della normativa vigente e a tutela dei clienti». 

Sabato 10 Aprile 2021, 16:30 - Ultimo aggiornamento: 16:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA