Consiglio comunale, Frittelli lascia: «Scelta soffertissima». Nel Pd entra Quintarelli. Il saluto di Ricci

Giovedì 30 Aprile 2020 di Massimo Chiaravalli
Patrizia Frittelli
Patrizia Frittelli se ne va. La consigliera espulsa dal Partito democratico, ed eletta nel gruppo Viterbo dei cittadini, ha dovuto fare «una scelta soffertissima, per la quale sono molto dispiaciuta». Ma necessaria perché il ruolo di consigliere era ormai inconciliabile con quello del delicato ruolo all'ospedale Fatebenefratelli di Roma.

«E’ stata una bellissima avventura – dice Frittelli - ma i miei impegni di lavoro, tanto più adesso che è in atto un’emergenza sanitaria, mi condizionano moltissimo sulla mia fattiva presenza. Dunque con molto dispiacere per chi mi ha eletto, per i miei compagni di squadra e per il consiglio comunale tutto, ho preso questa dolorosa decisione».

Frittelli lavora infatti fuori sede, è direttore di chirurgia senologica e responsabile Breast unit all’ospedale romano. «Rientro solo il fine settimana – continua - e quest’anno in particolare è stato complicato. Fare il consigliere comunale è una cosa molto importante e non posso dedicargli il tempo necessario. Ho condiviso con il mio gruppo questa scelta e oggi ho formalizzato le mie dimissioni». Frittelli lascia la politica, ma non «la mia città: il mio impegno nel sociale ci sarà sempre. Perché amo Viterbo sono orgogliosa di essere viterbese».

Al suo posto subentra Mario Quintarelli, già consigliere comunale, tesserato Pd. Che di fatto riapre tutta la partita degli equilibri interni nel gruppo dei dem. Ma questa è un’altra storia.

LA LETTERA di saluto del consigliere comunale Alvaro Ricci (Pd) alla collega Frittelli 

Fui io una mattina del 2013 davanti a un caffè a convincere Patrizia Frittelli a scendere in politica e candidarsi al Comune di Viterbo. Patrizia Frittelli grande professionista è per me una amica prima che una collega consigliera compagna di tante battaglie a Palazzo dei Priori. Le sue dimissioni sono una notizia che mi addolora fortemente.

Comprendo bene gli importanti impegni, specie in questo periodo, che la vedono impegnata come medico in prima linea al servizio dei cittadini e che non le consentono più di onorare con lo stesso impegno del passato il suo ruolo di consigliere comunale portandola alla difficile e sofferta scelta di dimettersi.

Patrizia Frittelli è stata per quasi otto anni un punto di riferimento del Partito Democratico prima e del centrosinistra cittadino poi ma, sopratutto, del Consiglio Comunale di Viterbo che in qualità di Vice Presidente ha guidato in una fase difficile nella precedente consiliatura con grandissima autorevolezza da donna capace e competente quale è mettendosi al servizio della città con quella stessa passione e abnegazione con cui da sempre presta assistenza ai suoi pazienti.

Impegnata nel sociale con la "sua" Beatrice l'associazione per la prevenzione del tumore al seno ha condotto e continua a condurre tantissime battaglie per la solidarietà e l'informazione dei cittadini dimostrando che la buona politica si fa dentro ma soprattutto fuori dal palazzo, palazzo che ogni anno "tinge di rosa" ricordandoci l'importanza della prevenzione.

Voglio esprimere pertanto come consigliere del Partito Democratico tutto il mio personale ringraziamento a Patrizia Frittelli per il lavoro e il tempo dedicato al Comune di Viterbo la cui mancanza nella Sala D'Ercole sarà difficile da colmare auspicando però che il suo sia solo un arrivederci poiché la politica e la città di Viterbo hanno ancora troppo bisogno di donne come lei.
Alvaro Ricci Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 11:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani