Viterbo celebra i 750 anni dal Conclave più lungo della storia e i 700 anni dalla morte di Dante

Palazzo dei Papi: la sala del Conclave più lungo della storia
di Carlo Maria Ponzi
2 Minuti di Lettura
Martedì 21 Settembre 2021, 06:50 - Ultimo aggiornamento: 11:20

Settecentocinquanta anni dal Conclave più lungo della storia. Settecento anni dalla morte di Dante. Viterbo entra nel vivo nelle celebrazioni di “eventi di portata internazionale” secondo la definizione pronunciata durante la conferenza stampa di presentazione di due cicli di iniziative dei prossimi mesi per ricordare e rendere omaggio agli avvenimenti. Il cuore del programma sarà svelato giovedì 23 settembre nella sala “Alessandro IV del Palazzo dei Papi, da Comune, diocesi, Fondazione Carivit e società Archeoares.

Ieri mattina i rappresentanti dei quattro soggetti organizzatori hanno spiegato la sostanza delle attività. «Il Conclave del 1268 ha reso famosa Viterbo in tutto il mondo – ha esordito, don Emanuele Germani, direttore della sala stampa della Curia -  e quello di giovedì sarà l’inizio di una serie di appuntamenti  che ci aiuteranno a rileggere la storia e capire quanto è accaduto il Conclave conclusosi nel 1271 dopo quasi tre anni di attività. Nell’occasione, il vescovo Fumagalli inaugurerà un’opera in marmo dell’artista viterbese Ivan Cusi raffigurante Papa Francesco, che resterà esposta per 15 giorni nel Palazzo Papale».

«Viterbo assume un ruolo da protagonista con la ricorrenza di questi due grandi avvenimenti. Come amministratori – ha aggiunto il sindaco Giovanni Arena - siamo soddisfatti di quanto prodotto tutti insieme per rappresentare in modo degno i due eventi». L’assessore alla Cultura, Marco De Carolis, ha rivelato che sarà esposta al pubblico la “Pergamena del Conclave”: «Per la prima volta ci sarà la possibilità di mostrarla al pubblico – ha detto – nel nuovo Museo sotto i portici che in ottobre verrà aperto, con una sezione dedicata proprio al Conclave».

Parola infine Gianpaolo Serone (società Archeoares). «Per colpa del Covid – ha sottolineato - abbiamo dovuto condensare in quattro mesi due eventi che esulano dai confini comunali o provinciali, indubbiamente di portata internazionale. Non a caso siamo stati contattati da riviste come “Medioevo” che dedicherà cinque speciali a Viterbo,  e la BBC ha voluto riservare sulla rivista History un articolo di circa 14 pagine sul Conclave viterbese. Va anche detto che il 23 presenteremo il calendario e la moneta in “Sede Vacante” realizzata da Marco Guglielmi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA