Dipendenti in cassa integrazione per ottenere gli aiuti Covid, 5 imprenditori denunciati per truffa

Guardia di Finanza
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Giugno 2021, 10:31

Mettono i dipendenti in cassa integrazione per ottenere benefici, 5 imprenditori viterbesi denunciati per truffa.

Secondo quanto ricostruito dalla Guardia di finanza di Viterbo nel 2020, in pieno lockdown, le loro imprese avrebbero assunto 11 nuovi lavoratori proprio nel medesimo periodo in cui ponevano in cassa integrazione in deroga altri dipendenti, che talvolta venivano fatti lavorare ancorché figurassero in cassa integrazione.

«Il controllo mirato - spiegano i finanzieri della Compagnia di Viterbo - con relativo approfondimento sulla posizione dei lavoratori e le informazioni acquisite e successivamente sviluppate, ha consentito di evidenziare il totale disallineamento tra la misura governativa di sostegno e l’effettiva applicazione operata dalle imprese controllate».

Queste aziende, di fatto, hanno posto la propria attenzione «esclusivamente all’abbattimento dei costi di gestione legati alla componente lavoro, ponendo a carico dell’Inps gli oneri sociali e salariali di loro spettanza, senza giustificato motivo».

Gli amministratori delle società sono accusati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, in quanto realizzavano un ingiusto profitto mediante l'utilizzazione o la presentazione di dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA