COVID

Bilancio, in 11 ore un emendamento approvato. Scontro sugli aiuti ai commercianti

Giovedì 29 Ottobre 2020 di Massimo Chiaravalli

Dopo 11 ore, solo un emendamento approvato. Prima una serie di schermaglie tra le parti, poi il via libera alla proposta di Forza Italia sulla torre civica, infine lo scontro (senza voto) su quella dell’opposizione sull’sos commercio.

Bilancio comunale, la contromanovra dell'opposizione è servita

Al primo appello niente numero legale: mancavano i berluscones, che hanno presentato quattro emendamenti in solitaria. Quindi il primo approccio sulla Tari: a chi è aumentata (Giacomo Barelli, Forza civica) e a chi è diminuita (Antonio Scardozzi, FdI). Al primo è passata da 431 euro nel 2019 ai 497 di oggi, al secondo da 430 a 420. «Non è vero che avete ridotto le tasse», l’accusa di Barelli, che ha citanto un’intervista del sindaco Giovanni Arena al Messaggero. «E’ vero, come annunciato dal sindaco», ha ribattuto Scardozzi.

Dopo l’ennesima richiesta di Barelli sul tema, a dare una notizia ha pensato l’assessore Enrico Maria Contardo: riguarda i 140 mila euro che il deputato Mauro Rotelli e l’ex dirigente Mario Rossi dovevano versare in solido al Comune sulla vicenda mense. «Hanno pagato – ha detto - i fondi sono stati tutti incassati dalla ragioneria a metà settembre, non compaiono in bilancio perché a un certo punto bisogna fermarsi e scriverlo. Ma la prima variazione sarà relativa a questa posta in entrata».

Bilancio, Forza Italia sugli emendamenti si sgancia dal gruppo. Muroni: «Preferisco farli da me»

Poi l’intervento del sindaco, all’apparenza conciliante, ma non idoneo per l’opposizione. «La minoranza – ha spiegato Arena - ha sollevato obiezioni che hanno logica e fondamento. La pandemia ci sta facendo cambiare le cose giorno per giorno, c’è stato un incremento del 150 per cento dei positivi. Se c’è da sacrificare un settore, ciò che non sarà possibile fare adesso lo faremo alla prima variazione di bilancio. Il Natale non sarà quello che attendiamo con ansia, ma lo ricorderemo tutti».

Un «intervento disarmante» secondo Chiara Frontini (Viterbo 2020). «Voi siete quelli col filo magico invisibile per gli stolti, noi il bambino che ha il coraggio di dire il re è nudo. Come il bilancio». Via libera subito sul progetto sulla torre civica, poi lo scontro sugli aiuti ai commercianti. Parere della giunta contrario: intervengono già governo e forse la Camera di cvommercio. Per Lina Delle Monache (Impegno Comune) «sarete ricordati come la giunta che si appoggia agli aiuti degli altri»

. «Così ammettete che le misure del governo non sono sufficienti», la replica di Andrea Micci (Lega). «Invece da qui arriva zero», è stata la chiusura di Massimo Erbetti (M5S).

Ultimo aggiornamento: 16:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA