Aeroporto civile a Viterbo, si torna alla carica

Aeroporto civile a Viterbo, si torna alla carica
3 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Giugno 2021, 09:13 - Ultimo aggiornamento: 16:04

«Uno scalo aeroportuale a Viterbo non può essere escluso». Dieci anni dopo il naufragio del primo progetto, mai andato oltre le intenzioni, la partita potrebbe riaprirsi «con qualche spiraglio in più». È la convinzione del deputato di Fratelli D'Italia, Mauro Rotelli. A spingerla il cambio ai vertici di Enac e la nomina a presidente di Pierluigi Umberto Di Palma, incaricato di ridisegnare e ottimizzare la mappa del traffico aereo dei prossimi anni.

Una storia, quello dello scalo viterbese, piena di tanti bassi e pochi alti. L'ultima bocciatura era arrivata a settembre 2020. A tagliare le gambe a una possibile riesumazione del progetto era stato l'amministratore delegato di Adr, Marco Troncone, società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino. Nel corso di un'intervista aveva infatti bollato l'opera come economicamente insostenibile: «Solo per garantire accessi ferroviari e stradali servirebbe oltre un miliardo».

«Parole che si riferiscono al vecchio piano precisa Rotelli -. Quello che andremo a sottoporre già lunedì (oggi per chi legge, ndc) ad Ance è molto diverso. Sarà slegato dall'ottica passata che vedeva in Viterbo una valvola di sfogo per il traffico romano e, nei fatti, una succursale degli aeroporti della capitale. Oggi l'idea è quella di creare un polo a sé stante con un orizzonte a medio termine che guarda al Giubileo del 2025». Lo stesso Di Palma, nel corso dell'audizione davanti alla commissione trasporti della Camera dell'8 giugno, se da una parte aveva escluso Viterbo dalle eleggibili come terzo scalo romano - «arriverebbe di sicuro una bocciatura da Bruxelles per colpa della mancanza di infrastrutture ferroviarie» - preferendole Frosinone, dall'altra aveva lasciato una finestra socchiusa per il capoluogo «come aeroporto per Civitavecchia».

«Per questo avvieremo subito i contatti con l'autorità portuale per capire se esiste questa esigenza continua Rotelli -. Nel caso di una risposta affermativa, allora inizieremo a muovere i primi passi. L'obiettivo sarà quello di creare uno scalo sul modello di Grosseto, un aeroporto militare aperto al traffico civile, che faccia da collegamento turistico per i crocieristi».

La linea guida da seguire è quella già testata, e risultata vincente, tenuta con la fermata dell'alta velocità a Orte. «Dobbiamo muoverci come territorio e non come singole province. Sarà questa la sfida principale dei prossimi anni».
Luca Telli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA