New York, gruppo di 20 viterbesi nella zona dell'esplosione: «Salvi per miracolo»

Domenica 18 Settembre 2016 di Massimo Chiaravalli
C’è un gruppo di oltre 20 viterbesi, a un passo dall’esplosione che ha ferito 29 persone, stanotte a New York. L’hanno scampata per miracolo: sono passati nello stesso punto appena tre quarti d’ora prima. «Stiamo tutti bene, fortunatamente»: a parlare è Aurelio Rossi, della Vittoria Viaggi, che ha organizzato la trasferta.

Il gruppo è negli Usa da alcuni giorni ed è giunto nella Grande mela appena ieri. Il loro albergo è a sole due miglia dal luogo dell’esplosione. «Al momento – dice Rossi – qui è tutto tranquillo. Anzi, se non mi fosse arrivato l’alert sul cellulare non mi sarei accorto di nulla. Intorno alla mezzanotte dal telefonino ho sentito un allarme con una suoneria strana, forte e insistente». Informava i residenti delle strade interessate di un pacco sospetto e di stare lontani dalle finestre. «In quel momento – continua – eravamo tutti in albergo. Ho notato tre mezzi della polizia passare a sirene spiegate».

Un paio d'ore dopo, un secondo messaggio: «Il dispositivo sospetto sulla W 27 St in Chelsea è stato rimosso dagli artificieri della New York Police Department». «Ora in zona ci sono alcuni agenti, ma non si avverte panico, la situazione è tranquilla».

Dalla Tuscia sono partiti in molti, adesso si trovano nel cuore di un evento che potrebbe influire anche sulla campagna elettorale, su cui si sono espressi anche i candidati Donald Trump e Hillary Clinton. «Siamo un gruppo di oltre 20 persone, di Viterbo e Vetralla. Abbiamo saputo di essere passati dal punto dell’esplosione stamattina: la guida – conclude Rossi – ce lo ha appena comunicato, eravamo stati lì alle 19,45. Ora siamo davanti a un albergo dove alloggiano molti partecipanti alla prossima assemblea generale delle Nazioni Unite, c'è la polizia. Sono tranquillo, ma forse devo ancora rendermi bene conto di ciò che è accaduto». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma