Viterbese, Lazio e Juventus su D'Uffizi. Romano: «Da qui non si muove»

Viterbese, Lazio e Juventus su D'Uffizi. Romano: «Da qui non si muove»
di Paolo Graziotti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Settembre 2022, 05:35 - Ultimo aggiornamento: 15:52

Simone D'Uffizi non si muove, almeno per il momento. Dopo la Lazio anche altre squadre di Serie A, tra cui la Juventus, si stanno interessando al gioiellino gialloblù, ma la Viterbese non intende far partire Il fantasista classe 2004, che è balzato agli onori della cronaca soprattutto per aver siglato una splendida doppietta in appena 3 minuti in occasione della seconda giornata di campionato contro la Fidelis Andria non ancora diciottenne.

"D'Uffizi è un giovane di grande valore - ha detto il presidente Marco Romano - per questo molti club lo vogliono. Non dimentichiamoci ha già battuto un record. Però difficilmente si muoverà". Della serie che il giocatore potrebbe partire solamente di fronte ad un'offerta irrinunciabile. D'Uffizi, che al momento è aggregato stabilmente con la prima squadra e sta giocando con continuità, si era segnalato già nel campionato Primavera della scorsa stagione e in estate la società di via della Palazzina aveva già rifiutato altre offerte.

Intanto siamo a meno uno dal delicatissimo derby casalingo di domani contro il Latina, in cui la Viterbese è obbligata ad ottenere il primo successo stagionale. Il tecnico Giacomo Filippi studia le ultime mosse per presentare la formazione migliore contro i pontini, che arrivano dal bel successo di sabato scorso contro l'Avellino. In difesa per il posto di Under sulla fascia destra sono in ballottaggio Santoni e Marenco, mentre vanno verso la conferma Ricci e Monteagudo. A centrocampo sarà presentato nuovamente Malick Mbaye, dopo la buona prova nel turno precedente nella partita disputata sul terreno di gioco della Juve Stabia.

Accanto a lui ritorna il lituano Megalitis, che è tornato dopo l'impegno con la sua Nazionale in Nations League. Molto importante sarà la posizione di Domenico Mungo, che potrebbe essere schierato ancora una volta come play davanti alla difesa con Volpicelli che a questo punto verrebbe avanzato come seconda punta. Il Latina rappresenta un avversario molto ostico per i gialloblù, poiché in questo inizio di campionato ha già fatto bene anche in trasferta. Il tecnico Daniele Di Donato guida una squadra che è cambiata poco rispetto a quella della scorsa stagione e quindi già ben collaudata. I nerazzurri difficilmente recupereranno comunque l'esterno Antonio Esposito, più probabilità ci sono per il rientro dell'altro centrocampista Marco Teraschi e dell'attaccante Lorenzo Rosseti. Comunque l'undici che scenderà in campo dal primo minuto non si discosterà di molto rispetto a quello di sabato scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA