Viterbese, il presidente Romano contro gli arbitri dopo l'ennesimo torto: «Penso a dimettermi».

Giovedì 8 Ottobre 2020 di Marco Gobattoni
Il presidente Romano

«Siamo stufi di subire torti arbitrali. Continuiamo a vedere un atteggiamento “ostile” nei nostri confronti in ogni partita. Ieri, oltre al “clamoroso” gol fantasma concesso e all’ennesima espulsione, la cosa più grave è l’atteggiamento ostile nei nostri confronti. Facciamo presente che gli errori eclatanti sono molteplici già dalla passata stagione sportiva, siamo finiti per ben due volte su “Striscia La Notizia”. Ora basta».

 

Il presidente gialloblù Marco Romano ha voluto esprimere tutto il proprio disappunto, e quello della Viterbese, per l'ennesimo episodio arbitrale che ha visto protagonista suo malgrado la formazione gialloblù. Fermo restando che la Turris ha meritato la vittoria, la Viterbese è pronta a gesti eclatanti, come le dimissioni da presidente di Romano e altre azioni di protesta.

 

«La società che rappresento, ultima squadra del Lazio rimasta in Lega Pro, merita rispetto! Aspettiamo chiarimenti da parte della Lega e dell’Aia che a oggi sono state indifferenti a tutte le forme di protesta adottate in questi anni». Lo sfogo arriva il giiorno dopo la sconfitta della Viterbese in casa della Turris, L'episodio oggetto di lamentela è il gol fantasma assegnato alla Turris dal direttore di gara barese Giorgio Vergaro, il quale ha convalidato la rete realizzata da Franco al 24' del primo tempo nonostante il pallone non avesse varcato la linea della porta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA