Viterbese, dall'incubo alla vittoria. Ma la strada è ancora lunga

Viterbese, dall'incubo alla vittoria. Ma la strada è ancora lunga
di Paolo Graziotti
3 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Dicembre 2020, 06:10 - Ultimo aggiornamento: 19:59

Simonelli trascina la Viterbese e i gialloblù, dopo un primo tempo disastroso, rimontano il Potenza imponendosi per 3-2. La Viterbese ha cambiato volto nella ripresa, mostrando una determinazione e una voglia di ribaltare il risultato che non si era mai vista nell'arco di questa stagione.

Dopo le due sberle subite nel primo tempo, i giocatori gialloblù hanno mostrato spirito di sacrificio, come dimostra la prova di Urso, retrocesso in difesa nella ripresa dopo essere stato schierato come attaccante all'inizio della gara. La Viterbese sembra aver superato quel complesso di inferiorità, che generava poi un senso di sfiducia ogni qualvolta subiva un gol da parte degli avversari. La squadra di Taurino ha infatti completato la rimonta in appena cinque minuti grazie a due gol di Mbende che, in entrambe le occasioni, è saltato più alto di tutti ed ha messo in rete di testa sfruttando due calci d'angolo. E così, proprio a una manciata di secondi dal fischio finale, una conclusione dal limite di Falbo è stata deviata da un difensore che ha mandato il pallone proprio sui piedi di Simonelli che con un tiro scagliato dall'interno dell'area di rigore non ha dato scampo al portiere avversario.

Dopo il primo tempo disputato dai gialloblù, nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla rimonta della squadra di Taurino, che ha perso Tounkara per infortunio dopo qualche minuto dall'inizio della gara. Un Potenza spavaldo aveva infatti racchiuso la Viterbese nella propria metà campo, adottando un pressing molto altro che non permetteva ai gialloblù di ripartire. La difesa è stata tenuta costantemente sotto pressione e così, prima del quarto d'ora, Mbende perde un contrasto in area con Cianci che poi ha tutto il tempo di mettere il pallone in rete da due passi.

La Viterbese è stordita e non dà segni di reazione così, poco prima dell'intervallo, il Potenza legittima la sua superiorità con il raddoppio. Un corner attraversa tutta l'area piccola prima di arrivare sulla testa di Cianci, che elude la custodia di Markic, e mette in rete approfittando di una leggerezza di Daga. Poi, nella ripresa, la Viterbese entra in campo trasformata e ci crede fino alla fine.

POTENZA (3-4-3): Marcone 5; Di Somma 5,5, Boldor 5,5, Zampa 5; Viteritti 6 (33' s.t.’ Nigro s.v.), Ricci 5,5, Coppola 6 (20' s.t. Volpe 5,5), Coccia 6; Compagnon 5,5 (7' s.t.’ Iuliano 6), Cianci 7, Di Livio 6,5. A disp. Brescia, Sandri, Romei, Lauro, Iacullo, Fontana, Spedalieri, Lorusso. All. Capuano

VITERBESE (4-3-3): Daga 5,5; Bianchi 6 (1' s.t. Calì 5,5, 44’ s.t. Falbo s.v ), Mbende 7, Markic 6, Baschirotto 6; Salandria 6, Bensaja 6,5, Bezziccheri 6 (21’ s.t Besea 6); Urso 6,5, Tounkara s.v. (9’ p.t. Rossi 6), Simonelli 7,5. A disp. Borsellini, De Santis, Menghi E., Sibilia, Galardi, Menghi M., Ferrani, Maraolo. All. Taurino ARBITRO: Virgilio di Trapani.

RETI: 14' p.t. e 39' p.t. Cianci, 5' s.t. e 10' s.t. Mbende, 49' s.t. Simonelli.

NOTE: partita giocata a porte chiuse. Ammoniti Daga, Urso, Zampa, Baschirotto, Coppola, Salandria, Bezziccheri, Di Livio, Ricci e Simonelli. Angoli 7-4 per la Viterbese

© RIPRODUZIONE RISERVATA