Viterbese in crisi nera, sonoore di riflessioni sul futuro del tecnico Francesco Punzi

Il presidente Romano
di Paolo Graziotti
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 06:45 - Ultimo aggiornamento: 13:32

Sono ore di meditazione e riflessione alla Viterbese, dopo la pesante sconfitta di domenica pomeriggio arrivata contro la Virtus Entella. Durante e dopo la partita contro i liguri, sono arrivate inevitabilmente accese contestazioni sia al presidente Marco Romano che alla squadra.

La società sta valutando se continuare almeno per le prossime tre gare con Francesco Punzi che, da quando si è insediato sulla panchina gialloblù ha guadagnato 4 punti in quattro gare subendo però 12 reti. Oppure adottare una nuova soluzione come potrebbe essere il ritorno di Alessandro Dal Canto che quest'estate aveva proprio iniziato la stagione con la squadra gialloblù. Proprio Alessandro Dal Canto, dopo essersi reso conto durante le prime giornate che la squadra prendeva troppi gol, era passato dal suo marchio di fabbrica il 4-3-3 a un più compatto 3-5-2 sicuramente meno spettacolare ma più efficace per rendere la retroguardia meno vulnerabile.

In queste uscite della squadra con Punzi in panchina, è sembrato che il nuovo tecnico curi poco l'aspetto difensivo come hanno testimoniato anche le numerose reti di testa da calcio piazzato che la Viterbese ha subito nelle ultime settimane. Altro equivoco tattico da risolvere è anche il dualismo a centrocampo tra Iuliano e Megelaitis. Il brasiliano era arrivato dal mercato degli svincolati per rimpinguare un reparto come il centrocampo, che spesso era a corto di uomini perché nei mesi di settembre, ottobre e novembre il lituano Linas Megelaitis era impegnato almeno una settimana ogni mese con la propria nazionale per giocare le qualificazioni al mondiale in Qatar.

Iuliano aveva mostrato di essere l'elemento giusto come centrale per poter migliorare il gioco della Viterbese. Ora che Megelaitis è tornato a disposizione a tempo pieno, essendo terminate le partite di qualificazione per il mondiale, Iuliano è stato spostato a sinistra, dove però fa fatica ad entrare nel vivo della manovra. È successo infatti anche in occasione della partita di domenica pomeriggio contro la Virtus Entella, che il centrocampista brasiliano si sia accentrato per trovare palloni giocabili andando a cozzare con Megelaitis.

L'ipotesi più probabile è che la Viterbese vada avanti con Punzi almeno fino alla sosta, per poi decidere cosa fare. Da qui alla sosta, la squadra gialloblù sarà impegnata domenica prossima a Pontedera contro il Montevarchi e poi avrà due gare casalinghe contro altre due dirette concorrenti per la salvezza quali Carrarese e Fermana. È chiaro che in queste tre partite Punzi dovrà cercare di totalizzare almeno 7 punti senza subire troppi gol.

La sconfitta contro la Virtus Entella fa ancora più male, anche perché nel turno dello scorso weekend tutte le altre pericolanti che precedono in classifica la Viterbese avevano perso. E, in caso di vittoria, la squadra gialloblù avrebbe fatto proprio un bel balzo in avanti in classifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA