La tragedia di Matias: a Vetralla un minuto di silenzio alle 12, folla alla veglia di preghiera

La veglia di preghiera di ieri sera a Cura
2 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Novembre 2021, 12:15

Ieri è stato il giorno del dolore a Vetralla, con il lutto cittadino proclamato ieri l'altro dal sindaco Sandrino Aquilani. A Cura è forte lo sgomento per l'uccisione del piccolo Matias, ucciso a soli dieci anni, e per il quale è stato arrestato il padre con l'accusa di omicidio.

Bimbo ucciso dal padre a Viterbo: la vita da sbandato di Mirko Tomkov, tra alcol e botte ai familiari 

Il Comune ieri, dopo aver comunicato la notizia alla cittadinanza sulla pagina Facebook istituzionale, ha fatto osservare alle ore 12 un minuto di raccoglimento, accompagnato dal suono delle campane. «I pensieri e le preghiere di tutti, saranno rivolti al piccolo Matias e al dolore e alla sofferenza di una mamma, alla quale la Comunità di Vetralla intera, si stringe in un abbraccio di solidarietà umana», è stato scritto. Il sindaco Aquilani ha osservato il minuto di raccoglimento stabilito per l'occasione proprio alla scuola elementare di Cura, insieme agli alunni e ai docenti dell'istituto.

Ieri sera poi si è svolta, nei pressi della Chiesa di Santa Maria del Soccorso sempre a Cura - nella zona centrale del paese e a due passi dell'abitazione dove si è verificato l'omicidio - una veglia di preghiera concelebrata dai tre parroci di Vetralla, con la partecipazione di moltissimi cittadini e delle autorità.

«Saremo capaci di affrontare anche questo momento così difficile e incomprensibile, e lo faremo tutti insieme», ha sottolineato in sindaco Aquilani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA