A spasso nella Tuscia alla scoperta di tombe etrusche dipinte, necropoli monumentali, dame rinascimentali

Tarquinia, Tomba dei Leopardi, 423 a.C.
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Febbraio 2022, 07:00

Un fine settimana molto interesante in fatto di passeggiate di esplorazione di siti storico-artistici e naturalistici della Tuscia.

Le proposte di sabato. “Ti racconto Tarquinia” è il titolo dell’appuntamento guidato da Claudia Moroni alla scoperta dei luoghi più significativi della città costiera: dalla necropoli etrusca al centro storico, tra tombe dipinte, chiese, torri e antichi palazzi. “Il mio – afferma la guida turistica (info 347-6920574) - è un invito a trascorrere una weekend tra arte e cultura innamorandosi della bellezza di Tarquinia, sfogliando le pareti affrescate delle tombe e facendosi conquistare dai monumenti ancora oggi difesi dalla cinta muraria”.

Una escursione naturalistica alla ricerca di antichi fontanili e abbeveratoi disseminati nei boschi dei Cimini viene invece riproposta dalla guida turistica e ambientale Elisa (info: 328-0166513). “Seguiremo il percorso didattico – sottolinea - munito di pannelli esplicativi e punti ristoro e con l’occasione verranno illustrate le pinete, le abetaie, i castagneti e piante che incontreremo nella camminata. Si arriverà quindi al bosco della riserva naturale Parco dell’Arcionello, fino alla piccola edicola chiamata Chiesuola, alla famosa fontana del bacio e al borgo di Bagnaia”.

Domenica 13. Da segnalare la passeggiata/racconto “Il volto di Giulia Farnese: il suo ultimo grande amore” a Carbognano. In vista di San Valentino, la coppia Marco Rossi e Aurora Montanaro racconterà la vita e le gesta di Giulia Farnese “la Bella”, amante di papa Alessandro VI Borgia: il tema è il suo ultimo matrimonio felice, la sua modernità ed emancipazione, il suo istinto di donna (info: 329-1315380). Al termine un aperitivo finale a Piazza San Filippo. Sabrina Moscatelli e Filippo Di Giacomo (info: 3395718135) si dirigono alla necropoli rupestre di Norchia, definita la “Petra dell’Etruria”. “Se pure la natura si è riappropriata del territorio – affermano le due guide - avvolgendo le rovine, sulle pareti scoscese si ergono, tra forre e dirupi selvaggi, si scorgono i siti della Gorgona, della Sfinge, iscrizioni, colonne e la spettacolare via Cava al momento non percorribile”.

“Quale modo migliore per festeggiare San Valentino se non con una bella camminata nel verde?”. La domanda è di Elisa che guiderà una passeggiata (con brindisi) proprio al Monte San Valentino di Bagnaia. I cani sono ammessi ma al guinzaglio. Info e prenotazioni: 3280166513.

© RIPRODUZIONE RISERVATA