CORONAVIRUS

Tre migranti positivi, sotto quarantena due centri di accoglienza a Orte e a Proceno

Venerdì 31 Luglio 2020
Nessun caso di positività al Covid-19 sui viterbesi, ma tre stranieri sono stati accertati tra quelli appena arrivati dal sud Italia.

Oggi la sezione di Genetica molecolare di Belcolle ha comunicato al Team operativo coronavirus della Asl di Viterbo i tre referti di positività nell’ambito delle azioni di sorveglianza messe in campo dalla Asl sui migranti, ospitati nei centri di accoglienza. Le persone refertate positive sono in isolamento domiciliare per la quarantena - estesa ai due centri di accoglienza - 1 a Orte e 2 a Proceno.

La Asl, in collegamentoo con la Prefettura e con i comuni, ha fornito le indicazioni per le misure di prevenzione e di protezione da attivare, al fine di contenere la diffusione del virus.
In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al Covid-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, restano a 470.

Nella giornata di oggi non si sono verificati nuovi casi di guarigione. Al momento, delle persone refertate positive al Coronavirus: 1 è ricoverata in una struttura ospedaliera regionale, 2 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Resta a 441 il numero delle persone negativizzate, 25 sono le persone decedute, a cui occorre aggiungere il paziente residente nella Tuscia e deceduto in una struttura ospedaliera fuori provincia.

Dall’inizio dell’emergenza, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 16136 tamponi, 88 nelle ultime 24 ore. Ad oggi 180 cittadini sono in isolamento domiciliare fiduciario, 4085 hanno invece concluso il periodo di isolamento. Prosegue nella Tuscia l’indagine di sieroprevalenza avviata dalla Regione: a ieri i laboratori analisi di Belcolle e di Civita Castellana hanno refertato 4819 test sierologici eseguiti sul personale delle forze dell’ordine e sugli operatori sanitari della Asl.

Di questi, 90 hanno dato esito positivo, con un indice di prevalenza dell’1,87%. Dall’inizio dell’indagine, due sono i casi accertati di positività al Covid.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA