CORONAVIRUS

Test sierologici, da oggi possibili anche alla Asl al costo di 15,73 euro: basta la ricetta del medico.

Venerdì 22 Maggio 2020
Test sierologici
Buone notizie per i viterbesi che vorranno sottoporsi al test sierologico. Da questa mattina, anche ai punti prelievi della Cittadella della salute e di Belcolle, è possibile effettuare l'esame per individuare la presenza di anticorpi IgG che si rintracciano nel sangue dopo un paio di settimane dal contatto con il virus Covid-19.

Nei prossimi giorni gli utenti potranno eseguire il test anche negli altri punti prelievi della Asl presenti su tutto il territorio della Tuscia. Per effettuarlo, occorre presentare al Cup la ricetta bianca del medico curante (medico di medicina generale, pediatra di libera scelta, specialista, medico competente, etc.), la tessera sanitaria e il consenso informato, compilato e firmato, secondo il modello che può essere ritirato presso gli stessi uffici Cup, oppure scaricato sul portale della Asl di Viterbo. Il costo per l’esecuzione del test sierologico, nel rispetto delle indicazioni regionali, è di 15,23 euro.

In caso di risposta positiva al test, il cittadino dovrà informare il proprio medico curante che prescriverà, tramite ricetta dematerializzata, contenente il codice di esenzione, il tampone nasofaringeo. Il cittadino ha l’obbligo di recarsi presso il drive in di Belcolle da solo, e con un mezzo autonomo, a partire dal giorno successivo alla prescrizione ed entro 48 ore dalla stessa, dotato della tessera sanitaria e della ricetta. Da subito, e in attesa del referto del tampone nasofaringeo eseguito, la persona deve rispettare le norme legate al distanziamento sociale, anche all’interno della propria abitazione.

La postazione drive in di Belcolle è attiva dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18, e il sabato, dalle 9 alle 14. Al servizio si accede liberamente, seguendo il percorso dedicato e segnalato da un apposito sistema di orientamento, con l’obbligo di restare in macchina. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani