Suicidio in caserma, disposta l'autopsia sul carabiniere

Carabinieri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Settembre 2021, 06:05

Suicidio in caserma dei carabinieri, disposta l'autopsia. Un colpo di pistola per mettere fine alla sua vita: così il maresciallo maggiore Piero Sagone si è spento sulla sua scrivania, lasciando colleghi, amici e parenti nel profondo sgomento.

Viterbo, maresciallo si uccide in caserma sparandosi alla testa con la pistola d'ordinanza

Sagone era un uomo tranquillo e il suo gesto, definito da molti inspiegabili, ha gettato la caserma provinciale dei carabinieri di Viterbo nel lutto. Il maresciallo è stato trovato morto martedì pomeriggio. Il colpo della sua pistola sarebbe stato sparato proprio nella sua stanza nella caserma. A trovarlo i suoi più stretti collaboratori che non vedendolo sono andati a cercarlo. La scoperta poco dopo le 14,30.

Sagone aveva 56 anni ed era a capo della sezione amministrativa al comando di via S. Camillo De Lellis. Sul suicidio del carabiniere sono in corso indagini e la salma è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nelle prossime ore sarà effettuata l’autopsia per fugare ogni dubbio e tentare di dare una spiegazione a un gesto che ha lasciato tutti senza nel dolore.

Sono 15, secondo i dati riportati dal Nuovo sindacato dei carabinieri, i miliari che si sono tolti la vita nell’ultimo anno. «Subiamo la morte del maresciallo maggiore Sagone - scrive Nsc - prossimo alla pensione, con dolore. La segreteria del nuovo sindacato carabinieri si stringe al cordoglio dei familiari, dei colleghi e degli amici, ma rimane determinato a chiedere una svolta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA