Dalla relazione clandestina al processo per stalking: imputati moglie e marito

Carabinieri
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 06:55 - Ultimo aggiornamento: 12:26

Dalla relazione clandestina al processo per stalking. Coniugi della Tuscia sono finiti davanti al giudice del Tribunale di Viterbo con l’accusa di atti persecutori nei confronti di una donna che per un breve periodo avrebbe avuto una relazione sentimentale con il marito imputato.

La storia d’amore clandestina sarebbe iniziata prima della pandemia e terminata bruscamente nel 2021 con una doppia misura cautelare. Lui sposato e con tre figli avrebbe perso la testa per una donna. Nonostante le mille peripezie per portare avanti di nascosto la relazione sentimentale i due si sarebbero frequentati per diversi mesi. Lui sarebbe stato anche molto geloso della sua amante, tanto da controllarle telefono e movimenti.

A scoprire la relazione sarebbe stata la moglie dell’imputato. Tradita e arrabbiata si sarebbe presentata sul posto del lavoro dell’amante e lì l’avrebbe picchiata davanti a tutti. Da lì sarebbero iniziati una serie di atti persecutori che avrebbero convinto la donna a presentarsi in caserma per sporgere denuncia. Marito e moglie sono stati immediatamente raggiunti dalla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima. Ieri mattina è iniziato il processo con rito immediato davanti al giudice Roberto Colonnello.

Prima dell'ammissione prove, che dovranno far capire al tribunale come si è svolta realmente la vicenda, la donna si è costituita parte civile con l’avvocato Matteo Moriggi. Alla prossima udienza saranno ascoltati i testimoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA