Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Siccità, già sette i comuni del Viterbese dove l'acqua non basta per tutti

Siccità, già sette i comuni del Viterbese dove l'acqua non basta per tutti
di Renato Vigna
3 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 14:51

La Tuscia ha sempre più sete. La media storica di acqua piovana relativa al mese di maggio, come rilevata dai pluviometri, riporta 377 millimetri come valore (tra il 2004 e il 2019); quest’anno si è fermata a 134. Scorrendo indietro i mesi del 2022 la proporzione resta la stessa: ad aprile 301 contro 117; a marzo 244 contro 71; a febbraio 161 a fronte di 50; a gennaio 82 versus 27.

Dati da bollino rosso, tanto che l’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino centrale nel report di giugno sottolinea che “allo stato sono già riscontrabili criticità di disponibilità idrica nei comuni di Nepi, Viterbo (Grotte Santo Stefano), Montefiascone, Acquapendente, Vignanello, Vetralla e Blera”. E aggiunge, come già segnalato da Talete, la società che gestisce il servizio idrico integrato nell’Ato 1 Lazio Nord-Viterbo che “nei comuni di Acquapendente (quest’ultimo non specificato dalla spa, ndc), Blera e Vetralla è stato necessario già attivare servizi sostitutivi con autobotti per rifornire circa 3.000 abitanti”.

Rispetto a maggio, poi, la situazione è peggiorata. Se nelle rilevazioni del mese scorso i dati pluviometrici dimostravano “un deficit pari a circa il 40% rispetto alle medie storiche del periodo, che arriva al 60% delle medie storiche del periodo se riferito al primo quadrimestre del 2022”, a giugno la crisi idrica si è acuita. “Le cumulate dell’ultimo anno evidenziano un deficit fino al 50% rispetto alle medie storiche del periodo; tale deficit sale fino al 70% se riferito al primo semestre del 2022”, riporta l’Autorità di bacino.

Gli esperti ribadiscono che “allo stato già si registrano significative diminuzioni di portata disponibile sia alle sorgenti di maggiore rilevanza tipo Piancastagnaio e Le vene a servizio dei Comuni dell’alto viterbese, con deficit di circa il 30% rispetto alle medie storiche del periodo, che alle fonti più superficiali, per le quali si registra una generalizzata diminuzione media fino al 50% delle portate disponibili, non sempre compensabili con altre fonti, a causa della frammentazione degli abitati e della limitata interconnessione delle reti idriche”. Ed è per questo che la condizione del Viterbese si è vista attribuire il livello di “severità media con tendenza al peggioramento” per l’ambito territoriale.

Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza da parte del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, sul territorio continuano gli appelli dei sindaci. “Per fortuna oggi Nepi – avverte il primo cittadino, Franco Vita - ancora non registra una crisi idrica ma le falde acquifere si stanno abbassando ogni anno. Per cui, il mio invito a tutti evitiamo di sprecare l’acqua. È un momento di responsabilità per tutti”.

A Nepi già da settimane vige l’ordinanza antisprechi. Tra gli ultimi comuni a emanarla, anche Corchiano: qui è vietato attingere all’acquedotto comunale per usi impropri, quali l’innaffiamento di giardini, orti e aree pertinenziali di fabbricati pubblici e privati, per il lavaggio di autovetture, riempimento di piscine e comunque per tutti gli usi diversi da quelli strettamente necessari per l’alimentazione e l’igiene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA