Civita Castellana, Sernicola dalla Spal alla Cremonese

Civita Castellana, Sernicola dalla Spal alla Cremonese
2 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Luglio 2021, 10:48 - Ultimo aggiornamento: 20:28

Leonardo Sernicola resta in serie B. Il Sassuolo con cui è sotto contratto, lo ha dato in prestito per una stagione alla Cremonese, che ha costruito una squadra sotto la direzione del tecnico Fabio Pecchia, che può recitare un ruolo da protagonista.

Il ragazzo nato a Civita Castellana classe 1997 ha incontrato il tecnico e poi dirigenti del club lombardo ieri per la firma del contratto. Sernicola è cresciuto nei settori giovanili prima della Roma, poi della Lazio ea infine della Ternana. Con quest’ultimo club ha esordito in Serie B; successivamente ha giocato anche a Fondi e Matera in Lega Pro. Poi è entrato nell’ orbita del Sassuolo dove ha collezionato una presenza in Serie A (il 26 maggio 2019 nella gara vinta dai neroverdi con l’Atalanta) e maturato esperienze con Virtus Entella, Ascoli e la Spal nella scorsa stagione, dove è risultato uno dei migliori giocatori della serie cadetta.

In tutto in serie B ha collezionato 57 presenze e realizzato una rete. Nel suo palmares anche il terzo posto ai Mondiali Under 20 in Corea del Sud nel 2017 e 19 presenze nelle nazionali giovani azzurre. Sernicola è un giocatore duttile: i tecnici (Boscaglia- Dionigi- Marino) che ha incontrato sulla propria strada lo hanno impiegato, sia da terzino destro che sinistro in una difesa a quattro, sia da difensore centrale oppure esterno di centrocampo come è accaduto in Coppa Italia contro la Juventus.

Se il tecnico grigio rosso, Pecchia giocherà con il modulo a quattro, in difesa come sembra Leonardo potrebbe essere impiegato sia sull’out di destra che di sinistra.

“Ho trovato un buon ambiente e anche un eccellente tecnico - ha detto Sernicola - possiamo disputare una stagione di primo piano”. Nel periodo estivo si è allenato sempre al Madami.

Tra i primi ad auguragli una brillante stagione con la nuova maglia è stato il presidente della Flaminia Francesco Bravini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA