Sequestra minorenne e poi la minaccia con una sciabola, condannato

Mercoledì 18 Novembre 2020
Un panorama di Nepi

Sequestra minorenne e lo minaccia con una sciabola, 50enne condannato a un anno e nove mesi. Un anno fa un 50enne pregiudicato si scagliò contro un gruppo di adolescenti all’interno di un parcheggio del supermercato di Nepi. Il 50enne avrebbe trovato danneggiati due motorini che aveva lasciato proprio nel parcheggio. Secondo lui non c’erano dubbi: erano stati quei ragazzini. Per fargliela pagare avrebbe preso uno dei 14enni e lo avrebbe trascinato nella sua auto. Per questi fatti l’uomo è stato accusato di sequestro di minore e giudicato dal collegio del Tribunale di Viterbo. Il 50enne, secondo l’accusa, avrebbe portato, contro la sua volontà, il ragazzo in giro per le vie di Nepi, minacciandolo costantemente con una sciabola. Secondo le indagini dei carabinieri, avrebbe voluto che i ragazzi trovassero i soldi per riparare i motorini. Invece dei soldi, gli amici del ragazzo sequestrato hanno allertato i militari che hanno immediatamente avviato le ricerche. I carabinieri, rintracciato il pregiudicato nei pressi del supermercato, hanno messo in sicurezza i giovani e bloccato l’aggressore. Durante la perquisizione hanno sequestrato la sciabola usata per la minaccia. I ragazzi soccorsi dalle forze dell’ordine non avrebbe riportato nessuna ferita e nessuno, nemmeno la vittima di sequestro di persona, si è costituito parte civile nel processo. Il 50enne per questi fatti fu arrestato e condotto dai militari in carcere. Luogo dove, con tutta probabilità, dovrà tornare. Ieri il collegio del Tribunale di Viterbo ha condannato il 50enne, difeso dall’avvocato Walter Pella, a un anno e 9 mesi di reclusione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA